gtag('config', 'UA-102787715-1');

Roger Waters vs Donald Trump: la storia dell’incredibile litigio tra i due

Non c’è dubbio: Donald Trump è, di sicuro, uno dei leader politici più odiati e contestati di sempre. Che le contestazioni e le ritorsioni siano giuste o sbagliate non sta a noi deciderlo, ma non possiamo far altro che sottolineare che il mondo della musica si è reso partecipe di un contrasto netto e reiterato al Presidente degli Stati Uniti, fin dalla sua campagna elettorale. Tra i suoi più grandi oppositori non può mancare, senza dubbio. Roger Waters: il leader ideologico dei Pink Floyd ha fatto della politica un suo tema importantissimo, nelle canzoni e nei concerti, e non ha mai mancato di sottolineare il suo disprezzo per Donald Trump. 

Le dichiarazioni di Roger Waters su Donald Trump

In passato, prima che Donald Trump diventasse effettivamente Presidente degli Stati Uniti, Roger Waters si era pesantemente scagliato contro il candidato repubblicano, reo di aver utilizzato brani rock senza permesso in occasione della sua propaganda elettorale. In effetti, la propaganda di Donald Trump è stata in grado di ricevere endorsement da un lato, pesanti offese e ritorsioni dall’altro, per una serie di motivazioni politiche, ideologiche e personali.

Nel mondo del rock, a scagliarsi contro Donald Trump erano stati, in particolare, i R.E.M. e Neil Young – tra gli altri -, ma Roger Waters ha portato avanti una polemica per diverso tempo. In particolare, il leader dei Pink Floyd ha affermato: “Rappresenta la follia americana sotto un ombrello di ignoranza assoluta. E’ un maiale ignorante, lo è sempre stato e sempre lo sarà. Vive nell’illusione di essere una persona da ammirare in qualche modo. Ma ovviamente per le persone come me, lui rappresenta tutto quello che non c’è da ammirare nella società americana”.

La proiezione di Pigs e il messaggio di Roger Waters contro Trump

A proposito di maiale, l’emblema dello stesso animale è stato fortemente utilizzato da Roger Waters in occasione dei suoi concerti, al fine di osteggiare la figura del Presidente repubblicano. Quando Donald Trump è diventato effettivamente Presidente degli Stati Uniti, dall’altro lato non c’è certamente stata una resa, anzi: tutt’altro. Lo stesso Roger Waters ha dichiarato, iconicamente, che “The Resistance Begins Today” (La resistenza inizia oggi).

Allo stesso tempo, le accuse non si sono placate e lo stesso Roger Waters ha pubblicato delle immagini di Pigs, risalenti alla sua esibizione al Desert Trip, con delle accuse rivolte verso il Presidente degli Stati Uniti. Non può che essere chiaro il riferimento che Waters ha voluto diffondere.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.