gtag('config', 'UA-102787715-1');

Slipknot, la decisione di Corey Taylor sui social

Lo storico frontman degli Slipknot ha recentemente deciso di cambiare attitudine rispetto ai social network. Infatti, Corey Taylor ha infatti scelto di rimuovere ogni sorta di aggiornamento quotidiano su Facebook e Instagram, affidando i relativi profili al suo staff con l’unico obiettivo di pubblicizzare gli eventi ai quali presenzia. In un’epoca caratterizzata dalla costante interazione tra le star del mondo dello spettacolo e i loro fan, sembra un’eccezione quasi unica nel suo genere. Eppure, il buon Corey non ha nascosto la propria soddisfazione per aver intrapreso una strada così alternativa.

Cosa è disponibile sui profili social di Corey Taylor

Cosa ha scelto di pubblicare Corey Taylor su FacebookInstagram? Niente più selfie, niente più aggiornamenti quotidiani, niente più interazioni dirette con i suoi numerosi fan. Il cantante e polistrumentista statunitense, leader anche del progetto Stone Saur, ha così privilegiato le foto di repertorio e gli annunci generali che hanno a che fare con i gruppi rock con i quali collabora da diversi anni.

A prima vita, una soluzione di questo tipo poteva essere considerata come un autentico autogol sotto l’aspetto relativo al marketing. Sembra quasi impossibile poter pensare che un cantante di successo non abbia intenzione di stare sempre a rispondere ai commenti dei propri follower e di contare i like ad ogni singolo contenuto. Tuttavia, Corey Taylor non ha nascosto la propria felicità di aver trovato un nuovo approccio alla vita.

Corey Taylor, un’autentica icona di anticonformismo

“Non mi sono mai sentito bene come in questi mesi e ho rapporti rinsaldati con la mia famiglia e con gli amici più stretti”, sottolinea Taylor. La ricerca della piena vita social ha lasciato così spazio ad una riscoperta di se stesso mirata più alla socializzazione vera e propria, alla nuova conoscenza di valori che sembravano ormai sopiti. La scelta del leader degli Slipknot non fa altro che confermare il suo notevole anticonformismo che va ben oltre l’aspetto puramente musicale.

Non a caso, la band di maggior successo della quale fa parte sceglie sempre di apparire a volto coperto. I vari membri sono abituati ad indossare maschere ispirate a serial killer, dall’aspetto alquanto inquietante che però tanto viene gradito dai fedelissimi del gruppo rock. Diverso è il discorso inerente agli Stone Sour, che invece mostrano i loro volti senza particolari problemi.

Ad ogni modo, Corey Taylor ha scelto ancora una volta di rompere gli schemi e di smettere di mostrare una vita all’insegna di una presunta perfezione. Niente più ansia da follow, niente più ricerca spasmodica dei “mi piace” a tutti i costi, ma solo la scelta di continuare ad essere un animale da palcoscenico, restando confinato nel suo habitat naturale senza portare avanti un percorso social a cadenza quotidiana.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)