gtag('config', 'UA-102787715-1');

Slipknot: tutte le volte in cui i membri della band sono rimasti feriti sul palco

Gli Slipknot rappresentano, senza alcun dubbio, l’esempio celebre di come una formazione possa trascendere tutti quegli schemi che sono caratterizzati dalla morale. Non è certamente una casualità: la band metal statunitense ha ottenuto un successo planetario non soltanto grazie alla musica ma anche a causa della sua immagine irriverente, violenta e fuori dagli schemi, che l’ha portata ad essere amata da milioni di persone. Vogliamo sottolineare tutto ciò attraverso tutte le volte in cui i membri della band sono rimasti feriti sul palco.

Mick Thomson si aprì la mano durante un concerto

Prima tra le tutte le volte in cui i membri degli Slipknot sono rimasti feriti sul palco è stata quella che ha visto protagonista Mick Thomson, chitarrista statunitense e membro della band che, in collaborazione – si fa per dire – di Clown, il batterista della formazione. Mentre suonava, Thomson si aprì la mano a causa delle percurssioni del batterista della band, che gli provocarono un taglio di incredibile pericolosità: il sangue che sgorgò sembrò quasi essere un effetto scenico.

Non si tratta comunque dell’unico incidente che ha visto il chitarrista protagonista: lo stesso Thomson, del resto, ha lamentato come gli headbanging che l’hanno visto spesso protagonista hanno causato dei gravi danni alla schiena di cui attualmente soffre.

Clown ha danneggiato le sue braccia in modo permanente

Non si tratta di un momento specifico, ma il risultato di una carriera di eccessi artistici mostrati sul palco che hanno avuto i loro effetti: Clown, il batterista e percussionista della band, ha da sempre abituato i suoi fan a spettacoli assurdi, caratterizzati da atrocità fisiche (nel We Are Not Your Kind Tour la mazza da baseball è stata protagonista) che hanno avuto i loro effetti.

Come ha dichiarato Clown: “Ho la peggior tendinite e tunnel carpale a colpire un barile con un tubo. Si chiama shock. Quando usi metallo su metallo, la vibrazione deve andare da qualche parte, quindi sale sul fondo del barile e poi sale sul mio braccio. Una persona normale smetterebbe semplicemente di usare il tubo, ma non riesco a ottenere il suono in nessun altro modo. Fa parte della ricetta … ”

Sid Wilson si ruppe entrambi i talloni sul palco… e continuò a suonare

Di sicuro, la più celebre delle volte in cui i Slipknot hanno riportato ferite è caratterizzata dalla rottura dei talloni da parte di Sid Wilson che, durante un suo concerto, non valutò attentamente il peso con il quale atterrava dopo un salto e finì per rompersi i talloni. Il turntablist finì, naturalmente, il concerto e completò il tour in sedia a rotelle.

Non possiamo non citare la sua testimonianza“Per qualche ragione ero un po’ indietro rispetto a me stesso e avevo su tutti i 30, 40 chili di pelle e catene – una specie di Road Warrior. Ero arrogante e non ho guardato prima l’arena. Quindi ho saltato, mi sono schiantato sui talloni e li ho rotti entrambi. “

 

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.