gtag('config', 'UA-102787715-1');

Lo splendido gesto compiuto da Brian May per la famiglia di un fan suicida

Brian May si è unito alla caccia di Santo Stefano insieme alla famiglia di un adolescente di 14 anni che si è tolto la vita poco meno di un anno fa, a causa del bullismo. Il chitarrista dei Queen era un vero amico intimo di Bradley John, il piccolo 14enne, la cui famiglia ha da sempre sostenuto la caccia senza torturare gli animali. Il musicista era infatti presente nel mezzo di una folla di circa 300 persone per il cosiddetto “Clean Boot Hunt“. Il chitarrista dei Queen, il leggendario Brian May, si è presentato con il padre dell’adolescente insieme ad altri parenti per la “caccia pulita” a Swansea, nel Galles del Sud.

BRIAN AMICO CORAGGIOSO

La caccia, che è una sorta di alternativa pacifica alla caccia alla volpe che fu messa fuorilegge nel 2004, ha visto una folla di 300 persone. Essi hanno deciso di sfidare la pioggia per vedere la rock star dai capelli bianchi che firmava autografi e posava con i fan dei Queen anche per un solo selfie. Brian ha detto: ‘Sono molto vicino a Byron [il padre del ragazzo] che ha attraversato tempi terribili di recente. È un uomo molto coraggioso, quindi volevo essere qui per lui“. Questo fatto ha dimostrato il grande cuore e affetto di Brian May verso questioni umane e sociali.

BRIAN MAY AMICO DEGLI ANIMALI

La famiglia del giovane Bradley ha affermato che il figlio era stato vittima di bullismo a causa del suo disturbo da deficit di attenzione e iperattività. Il chitarrista dei Queen si recò davvero al funerale dello scolaretto e fu lì che suono “A Kind of Magic” dei Queen, promettendo di continuare il lavoro di Bradley sostenendo la caccia senza crudeltà nella campagna britannica. Il giovane ragazzo era infatti, prima del suo tragico suicidio, un sostenitore della caccia pulita. “Sono venuto oggi da Londra per sostenere Byron perché stanno tutti facendo una cosa meravigliosa. Stanno trasformando tutte le tradizioni della campagna in una caccia umana“.

IL SUPPORTO ALLA CACCIA PULITA

Il maestro di caccia del Carmarthenshire ha dichiarato: “È geniale che Brian abbia fatto di tutto per supportarci. È una tradizionale caccia al Santo Stefano, ma la differenza è che inseguiamo un padre che corre piuttosto che un animale selvatico [senza ovviamente sparargli contro]. Ci mantiene legali e in linea con la legge sulla caccia.” Prima della caccia, il signor May ha preso la sua pagina Instagram per scrivere: ‘Sì!!! Stiamo andando a caccia! Caccia pulita! Bisogna sostenere queste brave persone che stanno coraggiosamente facendo avanzare il mondo e la campagna.

Non ci saranno torture e morti per nessuna creatura in questa caccia. Solo un uomo e / o una donna che corrono!! Venite a dare il vostro supporto se volete, ma tenete presente che non è il momento di firmare autografi. È un evento divertente, ma non riguarda me. In altri luoghi del Regno Unito lo stesso giorno ci saranno altri incontri di caccia ancora aggrappati alla tradizionale vile crudeltà“. Durante la caccia, Brian May ha parlato con i fan e ha accompagnato Grace Powell, madre di due figli, sul suo carro trainato da cavalli. “Era un gentiluomo perfetto –  ha detto Grace Powell – ma è stato bello avere una chiacchierata e un abbraccio da lui. Ha reso bello il mio Natale“.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.