gtag('config', 'UA-102787715-1');

Stevie Ray Vaughan: I 5 migliori assoli del chitarrista statunitense

Il musicista, cantante e autore Stevie Ray Vaughan si è affermato, nel corso degli anni, come una vera e propria istituzione nel panorama musicale contemporaneo. Il suo apporto sul mondo della chitarra moderna è dei più profondi. La straordinaria chitarra di Stevie Ray Vaughan ha segnato la storia del Rock con infinita grazia, creando nuovi paradigmi musicali che, ancora oggi, si annoverano tra i più ricercati.

Per quanto breve la carriera di Stevie Ray Vaughan sia stata, il suo lascito è dei più memorabili. Ad oggi, il chitarrista viene considerato uno dei migliori di tutti i tempi. Il suo formidabile modo di suonare è uno dei più imitati dai musicisti della nuova lena. La sua musica è delle più omaggiate. Attraverso la sua chitarra, Stevie Ray Vaughan ha ringiovanito un genere tradizionale e intramontabile come il Blues, regalandogli nuova vita.

Il carisma che Stevie Ray Vaughan emanava sul palco, ha permesso alla sua figura di elevarsi ad uno stato di straordinario misticismo. Oggi Stevie Ray Vaughan viene considerato una leggenda e, il suo nome, è stato scolpito nell’eternità anni addietro. La discografia di Stevie Ray Vaughan contiene alcune delle gemme rare più passionali mai scritte. Nella sua musica, traspare chiaramente la sua dedizione nei confronti della chitarra e della sua stessa opera. La sua morte segnò una delle pagine più nere nella storia del Rock. In questo articolo, abbiamo deciso di celebrare la memoria di Stevie Ray Vaughan, raccogliendo alcuni dei migliori assoli di tutti i tempi.

5) Voodoo Child (Slight Return)

La versione di Stevie Ray Vaughan del celeberrimo brano di Jimi Hendrix, è uno degli omaggi più prestigiosi mai fatti al Dio della chitarra. Lo stile preciso quanto furioso di Stevie Ray si contrappone profondamente rispetto all’esplosione rabbiosa e feroce di note con cui Hendrix dominava la chitarra. L’opera solista di Stevie Ray su Voodoo Child rende il brano invulnerabile innanzi all’inesorabilità del tempo.

4) Lenny

Il chitarrista compose il brano dedicandolo a sua moglie, Lenny. La traccia è diventata una delle più famose nell’intera discografia di Stevie Ray Vaughan. La storia di Lenny iniziò quando il chitarrista trovò una Fender Stratocaster in vendita in un banco dei pegni a 350 dollari. Stevie Ray bramava ardentemente lo strumento, ma non poteva permettersi il prezzo richiesto. Sua moglie, coinvolse i suoi amici in una raccolta fondi per regalargli lo strumento. Lenny regalò la Fender a Stevie per il suo compleanno. Il chitarrista scrisse la canzone in quella stessa notte come segno di gratitudine nei confronti di sua moglie. Quello di Lenny, è uno dei migliori assoli mai scritti da Stevie Ray Vaughan.

3) Little Sister

Little Sister è uno dei brani più evocativi di Stevie Ray Vaughan. L’assolo presente nella canzone è semplicemente straordinario. Il solo di Little Sister è una manifestazione di stile splendente come poche. Inoltre, dal vivo, durante il brano, il chitarrista compie il cambio di chitarre più veloce nella storia. Una corda si rompe nel bel mezzo dell’esibizione, ma Stevie Ray manda lo spettacolo avanti con formidabile non calanche, dimostrando al mondo intero di essere uno dei chitarristi migliori di tutti i tempi.

2) Tightrope

Tightrope è tratta dall’ultimo album in studio di Stevie Ray Vaughan. Nel primo assolo del brano, è possibile ascoltare la spiccata abilità del chitarrista nel rispettare le pause, trasmettendo emozioni tripudianti attraverso la preziosità dei silenzi. Il senso del tempo e la ripetizione straordinaria delle progressioni, rendono Tightrope una gemma delle più rare.

1) Texas Flood (Live At El Mocambo)

La versione dal vivo a El Mocambo di Texas Flood presenta alcune chicche che arricchiscono il flavour generale del brano. Già di per sé particolarmente intensa, Texas Flood si conclude con una strofa cantata e interpretata con una certa passione da Stevie Ray. Ad El Mocambo, però, l’eroe della sei corde decise di far cantare la chitarra al suo posto, dopo aver esitato per un istante al microfono. Il risultato fu dei più emozionali. Texas Flood scaraventa l’ascoltatore in un turbine di passione viscerale, mostrandogli il marchio del fuoco e della passione con cui, Stevie Ray Vaughan, ha consacrato la sua chitarra all’eterno.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)