Suicidio di Elvis Presley? L’ipotesi del nuovo documentario di HBO

Dopo una vita di successi, Elvis Presley morì a 42 anni tra lo sgomento dei suoi fan. Le dinamiche del suo decesso, seppur mistificate da alcune voci poco concrete e inaffidabili, sembrano essere piuttosto chiare. Un eccessivo utilizzo di barbiturici sarebbe stato fatale per il cantante, che venne ritrovato alle 13:30, di quel 16 agosto 1977, agonizzante nel bagno. Priscilla Presley, moglie del Re del Rock dal 1967 al 1973, ha di recente rilasciato una intervista per un nuovo documentario della HBO, uscito nel 2018, in cui avanza un’ipotesi azzardata, secondo cui ci sarebbe stato un suicidio di Elvis Presley in quel 16 agosto 1977.

Il documentario e il suicidio di Elvis Presley

Elvis Presley: The Searcher, è il titolo del documentario targato HBO del 2018, per la regia di Thom Zimny. “Sapeva cosa stava facendo“, ha affermato Priscilla, ex moglie ed amica del cantante. Una semplice frase che lascia presupporre che Elvis sapesse a cosa andava incontro prendendo una simile dose di barbitutici. La donna ha poi raccontato che lei e i suoi cari in tutti i modi provarono a farlo smettere di abusare di sostanze stupefacenti. Una dipendenza che avrebbe avuto inizio durante gli anni in cui Presley prestava servizio per gli Stati Uniti in Germania: “Davano la droga ai soldati per tenerli svegli. È così che ha iniziato“.

Nel periodo in cui Priscilla registrò l’intervista, era stato ritrovato un blocco di appunti di Elvis Presley, in cui erano presenti alcuni suoi messaggi diretti al suo manager Joe Esposito. “Sono stanco della mia vita“, diceva negli appunti. “Ho bisogno di un lungo riposo“. Tutto questo contribuì ad aumentare le voci secondo cui Presley si sarebbe suicidato volontariamente. Anche Rick Stanley, fratellastro di Elvis, sostenne la tesi del suicidio: “Gli appunti sembrano autentici. Per me, è una chiara indicazione del fatto che la volontà di togliersi la vita circolava nella sua testa“.

Cause del decesso

Il giorno della sua morte, Elvis fu ritrovato dalla sua compagna Ginger Alden all’interno del suo bagno a Graceland. Il cantante era esanime, probabilmente a causa di un arresto cardiaco. Secondo un noto biografo del cantante, Peter Guralnick, che riportò le parole del medico personale di Elvis: “Elvis aveva vomitato dopo essere stato colpito da infarto, a quanto pare mentre era seduto sul water”. Dopo aver effettuato l’autopsia del cadavere, nel suo corpo fu riscontrata la presenza di tracce di ben quattordici sostanze medicinali differenti, che in seguito si scoprirono essere state legalmente prescritte dal suo medico personale.

Share

Studente universitario, appassionato di sport, cinema, scrittura e rock. Articolista di storie o aneddoti, ma in grado di scrivere notizie di ogni genere e stilare classifiche.