Sweet Child O’ Mine: Slash rivela perchè non apprezzò il brano

Sicuramente avrete ascoltato almeno una volta il riff di Sweet Child O’ Mine, un singolo dei Guns N’ Roses che divenne celebre negli anni ottanta. Il brano è il terzo estratto dal primo album della band Appetite for Destruction e venne pubblicato il 17 agosto 1988.

Il chitarrista dei Guns N’ Roses Slash ha rilasciato una nuova intervista per una televisione australiana, parlando proprio di Sweet Child O’ Mine e di come, in un primo momento, non abbia apprezzato il brano.

Slash su Sweet Child O’ Mine

Slash ha spiegato come sia difficile capire come si tradurrà per gli altri, soprattutto per il pubblico, un’idea che sembra originale. Con queste parole il chitarrista dei Guns ha raccontato di come inizialmente non fosse un grande fan del brano Sweet Child O’ Mine. Secondo Slash il problema non era nel riff, bensì nel tipo di canzone che si presentava al tempo, una sorta di ballata più movimentata, diversa dal genere che Slash voleva per la band.

Com’è nata Sweet Child O’ Mine

Secondo alcune fonti, il riff del brano Sweet Child O’ Mine nacque proprio da Slash quando, durante il riscaldamento per una sessione in studio, suonò per scherzo una melodia particolare mentre faceva delle smorfie all’ex batterista dei Guns Steven Adler. Il resto della band iniziò a seguire il riff del chitarrista, con Axl Rose che rimase estasiato cominciando a cantare la canzone da lui scritta.

Le cover di Sweet Child O’ Mine

Sono state create numerose cover del brano Sweet Child O’ Mine. Sheryl Crow, cantautrice statunitense, ha eseguito una versione del brano che poi è finita nella colonna sonora di Big Daddy, film del 1999. Anche Anastacia ha registrato una cover del brano, inserendola nel suo album It’s a Man’s World, album contenente soltanto cover della cantante. Alla lista si aggiungono Most Precious Blood, Belladonna, Texas, Luna e tanti altri artisti che hanno registrato una versione alternativa del celebre brano dei Guns N’Roses.

La vita in tour di Slash

Durante l’intervista rilasciata alla tv australiana, Slash ha parlato anche nella sua vita durante i tour. Il chitarrista ha svolto costantemente tour dal 1987, per cui sono molti i viaggi intrapresi. Slash ha raccontato dei suoi tour selvaggi, spiegando come ricordi poco dei tour degli anni 90′, dove faceva uso frequente di droghe e alcol. Il chitarrista ha dichiarato di essere pulito dal 2006, e nonostante ciò si sente ancora nel mondo del rock and roll.

 

Share

Studente universitario, appassionato di sport, cinema, scrittura e rock. Articolista di storie o aneddoti, ma in grado di scrivere notizie di ogni genere e stilare classifiche.