Thunderstruck: cinque curiosità sul capolavoro degli AC/DC

Thunderstruck: cinque curiosità sul capolavoro degli AC/DC

Thunderstruck, il capolavoro degli AC/DC

Thunderstruck è il singolo principale estratto dal dodicesimo album in studio degli AC/DC, The Razors Edge. Pubblicato nel 1990, è sicuramente uno dei singoli più famosi dell’hard-rock band autraliana. Certamente, non si può parlare della canzone se non considerandola il capolavoro degli AC/DC. La sua esplosività, la ripetizione quasi ossessiva di “thunder!” e molti altri elementi sono sempre stati i marchi di fabbrica del singolo. Abbiamo raccolto cique curiosità sul capolavoro degli AC/DC. Le conoscevate tutte?

Il video ufficiale del brano

Il video ufficiale del brano è stato girato alla Brixton Academy di Londra, il 17 agosto del 1990. Al video ufficiale sono legate due curiosità, a dire il vero: la prima riguarda le magliette indossate dal pubblico presente. Esse furono regalate ai presenti con una scritta che sul davanti recitava “AC/DC – I was Thuderstruck” mentre, sul retro, la data.

La seconda curiosità riguarda invece il riff suonato da Angus Young: nel video questo viene suonato a una mano, anche se si tratta soltanto di un grande effetto pubblicitario; dal vivo, invece, il riff viene suonato chiaramente a due mani.

La canzone più pagata della storia

Molte volte non è semplice realizzare colonne sonore di serie televisive o film, dal momento che – per ottenere la licenza dei pezzi presenti all’interno delle colonne sonore stesse – c’è bisogno talvolta di ingenti cifre. L’esempio di fondamentale è sicuramente Varsity Blues, commedia giornalistica prodotta da MTV che fu anche molto apprezzata al botteghino, con un attivo di 36 milioni di dollari.

Per la colonna sonora della commedia si scelse di inserire proprio il brano degli AC/DC, che chiesero, per la licenza, mezzo milione di dollari. Fu una cifra esorbitante, che i produttori accettarono di pagare.

Riconoscimenti e certificazioni

La canzone è stata rilasciata come singolo in Germania, Australia e Giappone. Negli Stati Uniti la posizione massima raggiunta è stata la quinta (naturalmente nella classifica della Bilboard Hot 200). In Australia, invece, la posizione più alta raggiunta dal pezzo è stata la quarta. Prima posizione raggiunta in Finlandia – addirittura – e terza in Paesi Bassi, Nuova Svelanda e Spagna.

Quanto alle certificazioni: in patria il singolo ha ottenuto il doppio platino, con 140 mila copie vendute. Platino ottenuto anche in Italia (50 mila copie vendute). Alle copie massime vendute se ne sono aggiunte un milione di digitali da quando è stato reso disponibile il download.

Come è nata Thunderstruck?

Sebbene i riconoscimenti della canzone sono affidati a tutti e due i fratelli Young, l’idea principale per la realizzazione del pezzo è certamente venuta ad Angus Young; l’australiano ha dichiarato che l’idea è nata dopo un viaggio al limite trascorso in aereo: un fulmine colpì l’aereo, causando delle turbolenze. Quanto al riff principale del brano, uno dei più iconici della band, sembrò nascere quasi per errore.

Young, infatti, scoprì una sorta di trucco per chitarra che iniziò a sperimentare più volte, molte delle quali sbagliando. E proprio da quegli errori nacque il riff principale del brano, che decisero di chiamare Thunderstruck proprio in virtù di quell’esperienza. Il suono potente del pezzo non poteva che ricordare l’esplosività di certe esperienze!

 

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.