gtag('config', 'UA-102787715-1');

Van Halen: Ecco perché la band si chiama così

I Van Halen sono una delle Rock band più importanti di tutti i tempi. Il gruppo si formò a Pasadena in California, prendendo il nome di Eddie Van Halen e di suo fratello Alex, batterista della band. Ad oggi, l’apporto dei Van Halen sul panorama musicale moderno è di più profondi. L’opera della band è particolarmente prestigiosa, pur essendo costellata di hit scardina classifiche che, ancora oggi, echeggiano nell’immaginario collettivo. Sin dai loro esordi, i Van Halen si affermarono come una vera e propria istituzione sulle scene, soprattutto grazie ai virtuosismi di cui Eddie era fautore sulla chitarra.

Definito da molti come il padre della tecnica chitarristica del Tapping, Eddie Van Halen è, a tutt’oggi, una delle massime influenze degli artisti di maggior spicco che annoverano il panorama contemporaneo. Il suo stile, fuori dal comune, misto alla sua dinamicità sul palco, hanno contribuito ampiamente ad elevare lo status del gruppo. I Van Halen, in ogni caso, subirono numerosi cambi di rotta nel corso della loro carriera. Avendo attraversato diversi cambi di formazione, pur riuscendo a tenere alta la loro popolarità.

La prima fase con David Lee Roth al microfono servì ai Van Halen a lanciarsi nella stratosfera, per poi cementare la loro reputazione accanto a Sammy Hagar. Pur avendo affrontato una fase di tracollo con Gary Cherone tra le loro file, l’alba del Terzo Millennio vide i Van Halen guadagnare terreno, aumentando la loro fama esponenzialmente. Ad oggi, il gruppo conta 80 milioni di dischi venduti nel mondo. Il nome dei Van Halen è dei più evocativi e, in molti, si chiedono spesso il motivo per cui la band si chiama così.

Perché la band dei Van Halen si chiama così?

Sebbene i Van Halen siano nati per opera dei fratelli Alex ed Eddie, rispettivamente batterista e chitarrista del gruppo, questo ha risentito profondamente, nel corso degli anni, dell’apporto dei suoi membri. Il motivo per il quale la band dei Van Halen si chiama così, infatti, non deriva dal desiderio di affermazione dei due fratelli sul resto del gruppo. Inizialmente, i due decisero di chiamare il gruppo Mammoth. Fu David Lee Roth, primo cantante dei Van Halen a suggerire ad Eddie ed Alex di cambiare il nome della band.

Per il cantante, il cognome dei due fratelli era sinonimo di potenza. David Lee Roth reputava “Van Halen” un termine evocativo, capace di suscitare forti emozioni negli ascoltatori. Il cantante paragonò Van Halen a Santana, spiegando di provare le stesse emozioni nel sentir proferire il cognome dei due fratelli. L’ascesa della band nacque da qui. Il gruppo si spostò dalle scuole superiori locali ai club, fino ad arrivare a stanziarsi stabilmente al Whisky A Go Go di Los Angeles; una vera e propria Mecca del Rock. Era la seconda metà degli anni ’70, quando Gene Simmons dei Kiss si adoperò per produrre una prima demo della band. Sebbene la band non riuscì a destare l’interesse dei discografici, il successo sembrò essere dietro l’angolo con il glorioso self-titled di debutto che consacrò il nome dei Van Halen all’eternità.

 

 

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal.