gtag('config', 'UA-102787715-1');

Robbie Williams: “Elton John mi costrinse ad andare in riabilitazione”

L’iconico cantautore britannico Robbie Williams non ha mai nascosto i suoi problemi con l’alcool e le droghe, anzi, ne ha sempre parlato apertamente. In una delle sue ultime interviste, infatti, è tornato a parlare di uno di quei suoi momenti bui.

Quando Elton John costrinse Robbie Williams ad andare in rehab

Il musicista di Stoke-on-Trent, ospite del programma Jonathan Ross Show, ha dichiarato di essere sobrio da ben 19 anni. Questo traguardo, come potete immaginare, non è stato facile da raggiungere. L’ex Take That ha spiegato di aver ricevuto un aiuto particolare dal suo caro amico Elton John.

Durante l’intervista Williams ha raccontato: “Avevo appuntamento con Elton, ma mi presentai a casa sua ubriaco e con evidenti macchie di vino sulla maglietta. Elton non mi fece manco entrare e disse: ‘devi andare in riabilitazione, lo sai vero?’, ma io non lo presi sul serio e gli dissi “oggi non posso, ci andrò la settimana prossima.’”

Reginald Kenneth Dwigth, in arte Elton John, non aveva nessuna intenzione di scherzare e rimproverò il suo collega: “No, devi andare in Rehab e ci devi andare ora!”

Robbie Williams: “Elton John è l’uomo più amorevole e generoso del mondo”

Robbie ha ammesso che tutto ciò avvenne nel ’94, mentre stava lavorando a due dei suoi più grandi brani, “Angels” e “Let Me Entertain You”: “In quel periodo stavo lavorando a due pezzi, Angels e Let Me Entertain You ed Elton mi invitò a casa sua per ascoltare i miei lavori”, ha spiegato Robert Peter Williams, aggiungendo: “Quel giorno feci un gioco che mi piaceva tanto: mi fermavo in tutti i pub che vedevo e mi scolavo qualcosa. Mi ero fatto 10 pinte di birra e qualche bicchiere di vino prima di arrivare da Elton.”

I due musicisti discussero animatamente dinanzi alla porta d’ingresso e, alla fine, Elton e suo marito David Fumish portarono Williams nella loro casa a Windsor, preparandolo alla riabilitazione. Lodando la celebre voce di Your Song, Williams ha detto: “Elton è l’uomo più amorevole e generoso sulla faccia della terra, ha aiutato me e tantissime altre persone nel corso degli anni.”

La riabilitazione per Robbie, ovviamente, non è stata tutta rose e fiori. “La prima cosa che pensi è: ‘come supererò il primo giorno?’ e subito dopo: ‘come supererò la prima settimana?” Nonostante le evidenti difficoltà il musicista è riuscito a vincere la sua battaglia e, oggi, dopo 19 anni anni è più sobrio che mai: “Non avrei mai immaginato di arrivare fin qui, sono davvero felice e soddisfatto del mio percorso. Tutto questo è sicuramente anche merito di Elton che mi ha aiutato a scacciare i brutti pensieri e le paure.”

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)