20 ottobre 2021 14:25 mercoledì

Le migliori Band Rock che non cantano inglese

Parlando di Rock, siamo portati a pensare all’utopia dell’American Dream o alle innovazioni Britanniche degli anni ’60. Eccessi, dissolutezze e aneddoti fantasiosi; ma la musica riesce sempre a stupire, meravigliando gli ascoltatori e gli appassionati più sfegatati. Il mondo intero pullula di artisti geniali.Musicisti capaci di collimare le inflessioni folkloristiche della propria terra con l’energia esplosiva tipica del Rock che tutti noi amiamo.

Soffermarsi esclusivamente sulla fervente scena Progressive nostrana, intrisa di elegante maestria, capostipite di una scuola d’artisti raffinati, capaci di disegnare scenari fiabeschi e meravigliosamente articolati, risulterebbe prolisso. Siamo ben consapevoli dell’immensa qualità mostrata dalle Rock Band pietre miliari della corrente Progressive italiana.

Ciò che, oggi, meraviglia più di tutto, è la splendida varietà di Rock Band provenienti dai paesi più disparati che, attraverso musica d’altissimo livello, riescono ad abbattere la barriera comunicativa, apparentemente insormontabile posta in essere dal movimento angloamericano. In questa classifica, abbiamo raccolto alcune Rock band, la cui opera, non presenta testi in inglese; ma ugualmente capaci di coinvolgere e appassionare anche gli ascoltatori più esigenti.

5) Soda Stereo

I Soda Stereo sono un gruppo Alternative Rock argentino, attivo sulla scena internazionale dal 1982 al 1997. Sebbene siano stati impegnati in svariati tour dal 2017 al 2020, il Rock trio, negli ultimi anni, si è limitato ad apparire esclusivamente sui palchi, senza rilasciare nuovi lavori in studio. I Soda Stereo sono considerati un simbolo della libertà d’espressione e dell’estro artistico dell’America Latina. Capaci di collidere le inflessioni musicali tipiche della loro terra, con la potenza del Rock Classico, ascoltare un brano dei Soda Stereo, oggi, non significa fare un tuffo nel passato, ma al contrario, immergersi totalmente in un sound fresco, coinvolgente e, assolutamente moderno grazie alle influenze Pop di cui il gruppo risente.

4) The Qualitons

I Qualitons sono un gruppo ungherese, originario di Budapest, attivo dal 2008, sebbene alcuni dei loro lavori presentino stralci di testo in lingua inglese, la maggioranza delle Lyrics della band viene scritta in ungherese. Vantano tre album pubblicati e un quarto in cantiere, da cui è già stato estratto il singolo Green To Yellow. Ascoltare i Qualitons significa immedesimarsi totalmente nel loro stile musicale, a metà tra il Beat, il Funk e il Progressive Rock più sperimentale, bassi marcati e strumentali imponenti che si ergono su linee vocali melodiche e avvolgenti. L’enfasi riscontrata dai Qualitons sulle sezioni strumentali, li ha resi particolarmente apprezzati dal pubblico e dagli addetti ai lavori.

3) Lazuli

Siamo di fronte a dei visionari della musica che; purtroppo, non hanno riscontrato il successo decisamente meritato; per essere stati, forse, troppo avanti coi tempi. I Lazuli sono attivi dal 1998 e il loro omonimo album di debutto, non ha mai raggiunto il grande pubblico. Le peculiarità sonore della band vanno ricercate nella combinazione di elementi elettronici con strumentali tipiche del Progressive, sulle quali si adagiano, raffinatamente, meravigliosi versi in lingua madre.

2) Kotiteollisuus

I Kotiteollisuus sono un gruppo Hard Rock/Heavy Metal finlandese, formatosi a Lappeenranta nel 1991. Ben noti nel panorama scandinavo, i testi dei Kotiteollisuus si concentrano su tematiche delicate e attuali. Dalla politica alla religione, i Kotiteollisuus raccontano con disarmante sincerità le fattispecie mondiali più critiche. Il gruppo vanta un disco di platino e due dischi d’oro. Due vittorie agli Emma Awards, nel 2003 e nel 2005 e, la prestigiosa collaborazione di  Tuomas Holopainen dei Nightwish nella registrazione di diversi album.

1) Dir En Grey

I Dir En Grey sono un gruppo Experimental Metal formatosi nel 1997 in Giappone. Nel corso degli anni, la band ha manifestato una versatilità mostruosa, spaziando dall’ Alternative Rock al Death Metal. Ad oggi, l’obiettivo primario dei Dir En Grey è spingersi oltre le frontiere musicali conosciute; rivoluzionandone i canoni. Il cantante della band, capace di passare da puliti aggraziati a Growl maestosi, presenta una figura particolarmente carismatica dal vivo. La band è tra le maggiori esponenti della corrente Indie Visual Kei nipponica, riscontrando successo e assensi dal pubblico e dalla critica a livello mondiale.

Share