18 May, 2021, 13:46

Michael Jackson: quella volta che Il Re del Pop mise in pericolo la vita del suo figlio di nove mesi

Nel corso dell’ultima parte della sua vita, Michael Jackson è stato spesso al centro di numerosissime polemiche, che hanno riguardato non soltanto la sua identità, ma anche tutte quelle accuse che sono state mosse nei confronti della sua persona, cavalcando spesso l’onda di una polemica già numerosa o, in altre occasioni, aggiungendo nuovi dettagli che hanno tentato di sconvolgere la figura del cantante statunitense. Una delle polemiche più grossa è quella che è nata nel 2002, a seguito di un atto, ritenuto come il responsabile, della popstar statunitense, che ha messo in pericolo la vita di suo figlio di 9 mesi, agitandolo da un balcone di Berlino ed essendo immediatamente richiamato da numerosissime associazioni per minori. Ecco tutto ciò che c’è da sapere a proposito di quest’atto che fece molto parlare, in termini perlopiù negativi, di Michael Jackson.

Michael Jackson e la vita di suo figlio Prince Michael III messa in pericolo

L’atto di cui vi abbiamo precedentemente parlato si è verificato nel 2002, a Berlino, dove Michael Jackson giungeva a seguito di un processo che l’aveva ricordato per presunte molestie sessuali effettuate ai danni di un minore. La popstar è stata investita, nel suo soggiorno a Berlino, da una folla numerosissima, che ha iniziato ad amarlo e a invocare a gran voce il suo nome- A questo punto, per rispondere agli stessi, Michael Jackson è stato colto da un impulso improvviso e ha iniziato a esibire suo figlio, Prince Michael III, dal balcone, mettendo in pericolo la vita di suo figlio di 9 mesi.

Dalle immagini che sono state scattate, la popstar ha dondolato il piccolo di 9 mesi, coprendolo con un fazzoletto e non mostrando il suo volto, ma allo stesso modo dando, a molti, l’idea di una condizione precaria per il neonato. Per questo motivo, molte associazioni per neonati e minori hanno protestato contro il gesto scellerato di Michael Jackson, definendolo come irresponsabile, e la popstar si è difesa parlando di un atteggiamento sbagliato che è stato dettato dal l’eccitazione del momento, oltre che un terribile errore che non voleva si ripetesse.

Le altre polemiche contro Michael Jackson

Non è stata l’unica polemica che ha investito Michael Jackson in quel momento specifico della sua vita. Come detto, la popstar veniva da diversi giorni in cui era stato protagonista di un processo per molestie sessuali che si era tenuto in California, quando, dopo essere stato chiamato in processo da un minore, le accuse sono state ritirate. Tuttavia, il processo gli ha fatto saltare alcune date in Germania, in particolar modo a Berlino, per le quali il promoter del suo tour ha chiesto un risarcimento danni di addirittura 21 milioni di dollari. Insomma, una polemica dopo l’altra che ha riguardato il 2002 della popstar, in uno degli anni più difficili e tenebrosi che hanno preceduto la sua morte.

Share