16 settembre 2021 18:00 giovedì

Freddie Mercury, quando il leader dei Queen ebbe l’ispirazione per il logo della band

Freddie Mercury era un artista a tutto tondo, il cui genio andava ben oltre il puro talento musicale. Infatti, oltre ad aver scritto numerosi brani per i suoi Queen e aver fatto andare in visibilio milioni di fan grazie ai suoi spettacoli, il cantante era anche un appassionato d’arte.

Fu proprio Freddie ad ideare e disegnare il logo dei Queen. Come nacque la sua composizione? Da quali elementi trasse ispirazione Farrokh Bulsara? E qual è il significato di un’opera così rappresentativa? Scopriamolo insieme nelle righe seguenti, con diversi particolari succulenti sull’origine di un marchio distintivo tra i più iconici della storia del rock.

Quando nacque il logo ufficiale dei Queen

Nel corso degli ultimi anni, i Queen sono stati in grado di tornare in auge grazie all’uscita del biopic Bohemian Rhapsody. Il titolo cinematografico ha riscosso un successo straordinario e ha mostrato alcuni dei tratti distintivi dei primi 10 anni della carriera del gruppo britannico. Buona parte della fama della band è dovuta anche ad un logo iconico. Si chiama Queen Crest e nasconde una storia straordinaria, che trae origine dalla carriera scolastica di Freddie Mercury. Il celebre cantautore si era diplomato presso l’Ealing Art College di Londra e aveva sviluppato una certa passione per l’arte in tutte le sue forme. Il marchio fu pubblicato per la prima volta nel 1976, in occasione della copertina di A Night at the Opera. La band lo avrebbe inserito anche nelle cover di A Day at the Races, oltre che in varie raccolte successive.

Cosa voleva fare Freddie Mercury quando ha creato il logo

Quando creò il logo dei QueenFreddie Mercury aveva obiettivi ben precisi da soddisfare. Secondo quanto riportato dalle versioni ufficiali, l’artista voleva rendere un omaggio al Regno Unito. Tre erano i principi fondamentali da porre in evidenza nel suo disegno, ossia l’eleganza, il patriottismo e soprattutto il senso di regalità. D’altronde, per una band con quel nome, non poteva essere diversamente. Freddie scelse così di ispirarsi allo stemma della Famiglia Reale britannica.

L’aspetto del logo della band britannica

Non appena si osserva il logo dei Queen lo si associa allo stemma reale britannico. Mercury scelse di posizionare al centro del marchio una lettera Q gigante, iniziale della band, con la suo interno la corona reale. Intorno a questo simbolo sfumato in porpora, sono posizionati quattro emblemi, ciascuno dei quali rappresenta il segno zodiacale di ognuno dei quattro membri della band. Freddie Mercury si manifesta tramite una coppia di fate bianche, che contrassegnano il segno della vergine. Al suo fianco, un granchio che simboleggia il chitarrista Brian May e il suo segno del cancro. Ai lati, appaiono due leoni con i quali vengono identificati il batterista Roger Taylor e il bassista John Deacon. Su tutti gli elementi, ecco una felice enorme con le ali aperte, capace di risorgere dalle proprie ceneri. I colori più presenti sono senz’altro il giallo e l’arancione.

Le teorie alternative sullo stemma dei Queen

Ciò che abbiamo spiegato finora riguarda la versione ufficiale sullo stemma realizzato da Freddie Mercury. Tuttavia, col passare degli anni, non sono mancate tesi alternative rispetto a quella principale. Ciò che incuriosisce è la presenza della fenice, con le ali rivolte verso il basso come quelle di un pellicano anziché verso l’alto. Un segno del genere simboleggerebbe il senso di sacrificio della band inglese, ma non ci sono mai state conferme da parte dei vari membri. Inoltre, qualche dubbio si nasconde anche dietro il simbolismo dei segni zodiacali.

Share