9 May, 2021, 05:14

Led Zeppelin, Jimmy Page: “Ecco che cosa penso di Keith Richards”

Jimmy Page e Keith Richards rappresentano, senza alcun dubbio, due dei chitarristi più importanti che si siano distinti nell’ambito della storia della musica. Il giudizio in questione non è soltanto oggetto di una soggettività tipica da fan, ma anche il risultato di numerose analisi che addetti ai lavori e critici hanno realizzato in materia. Per questo motivo, quando è stato possibile vederli collaborare per la realizzazione di Scarlet, la canzone contenuta all’interno della discografia dei Rolling Stones, e certamente è stato emblematico il risultato di una collaborazione simile, di cui Jimmy Page ha avuto modo di trattare in una recente intervista. Il chitarrista dei Led Zeppelin si è anche soffermato su quello che è il suo pensiero a proposito del leader dei Rolling Stones, di cui ha offerto una caratterizzazione certamente positiva.

Le dichiarazioni di Jimmy Page su Keith Richards e sulla realizzazione di Scarlet

In una recente intervista, il chitarrista dei Led Zeppelin ha avuto modo della sua esperienza nella realizzazione di Scarlet, con i Rolling Stones e Keith Richards. Seguono le sue parole: “[Il chitarrista] Ronnie Wood aveva una casa chiamata The Wick, a Richmond. Pete Townshend vive lì adesso. Ma aveva uno studio nel seminterrato quando Ronnie era lì, un vero e proprio studio completo, con una sala giochi e una sala di controllo dove guardi attraverso la finestra nell’area di gioco. Mi è stato chiesto di collaborare da Ronnie, che ha detto che ci sarebbe stata una sessione con Keith [Richards, chitarra]. Quindi, Keith ha seguito questa canzone con Rick Grech al basso e un ragazzo chiamato Bruce Rowland alla batteria, che non avevo mai incontrato prima, ma le parti di basso e la batteria in quella canzone sono semplicemente fantastiche.”

E ancora, a proposito dell’esperienza con Keith Richards: “Keith mi ha indirizzato la canzone e io ho appena inventato una parte di chitarra come avrei fatto se suonassi con la mia band. Keith stava suonando il riff principale e stavo pensando a cose che lo completassero. Stavo suonando cercando di emulare quello che stava facendo. Così il tutto è stato fatto in una sera, e poi avrebbero continuato il giorno dopo all’Island Studio, Island No. 2, e ho detto, ‘Bene, verrò e ci metterò gli assoli. ‘ Sono arrivato abbastanza presto la sera, ho fatto un paio di passaggi all’assolo, e basta. Mick [Jagger, voce] stava facendo le sue cose il giorno dopo, quindi me ne sono andato dopo aver fatto la mia parte. È stato divertente, ma non avrei mai pensato che sarebbe uscito.”

Infine, a proposito della canzone: “Sono rimasto sbalordito che l’hanno messo fuori perché anche se è stato fatto negli anni ’70, le sonorità erano del tutto diverse. Keith suona alla grande, lo ha sempre fatto, e sono contento della chitarra che suona, ho pensato che fosse fantastico, quindi è bello avere quello piuttosto che una cosa dei Led Zeppelin, sai? È insolito sentirmi suonare a tutta velocità, se vuoi, al di fuori dei Led Zeppelin.”

Rimani aggiornato sulle ultime notizie nel mondo del rock!

Share