17 May, 2021, 19:06

Joe Bonamassa e il suo commento su alcune tendenze nel mondo del rock: “Non riesco a capirle davvero”

Attraverso le sue dichiarazioni, Joe Bonamassa ha avuto modo di affrontare diversi argomenti riguardanti il mondo del rock e della musica in generale; il chitarrista statunitense ha parlato di tendenze che non riesce a comprendere e di cambiamenti che ci sono stati rispetto al passato.

Joe Bonamassa e le sue dichiarazioni su alcune tendenze particolari diffuse nel mondo del rock

Il chitarrista statunitense, che ha avuto modo di rapportarsi a tantissime realtà artistiche, oltre che a numerosi musicisti nel mondo del rock, ha parlato di numerose realtà riguardanti il mondo del rock e della musica, con un riferimento notevole ad alcune realtà presenti nella storia della musica, che hanno sempre acquisito tendenze particolari, soprattutto al di fuori del palco.

Nello specifico, queste sono state le dichiarazioni di Joe Bonamassa a proposito di Paul Stanley: “Siamo stati tutti in questa situazione. Vengo da te oggi da Nashville, Tennessee, e l’ho visto un po’ qui a Nashville negli ultimi, direi, cinque o sei anni – e certamente a Los Angeles, dove vivo anch’io. Entri in un 7-Eleven e vedi il tuo preferito – un famoso musicista – ed è vestito per il concerto. E quelli che sentono di dover continuare così, non sono sicuro del perché; ognuno ha la propria identità, ma io non sono mai stata quella persona. Non mi sono appassionato a queste cose per essere famoso, sono entrato in questo mondo perché mi piaceva suonare la chitarra, e questa è un’estensione naturale del solo stare seduto nella mia camera da letto e suonare.”

Joe Bonamassa e i cambiamenti nella storia della musica

Successivamente, Joe Bonamassa ha avuto modo di parlare anche di quali e quanti cambiamenti ci siano stati nella storia della musica, rispetto al passato. Le sue parole, rilasciate a proposito, sono le seguenti: “Il mondo della musica alla fine degli anni ’90 era semplice: vendessi, avevi una grande pagina e una rivista rock ‘n’ roll. Se avevi una pagina intera, eri qualcuno.”

E ancora: “I budget erano fuori controllo. Voglio dire, il mio primo disco da solista [“A New Day Yesterday” del 2000] aveva un budget di $125.000, ora non basterebbe. Warren Haynes ha pronunciato una battuta fantastica che ha usato quando l’ho intervistato; dice: devi solo ridurre uno zero alla fine. Se facevi un album per $300.000, ora vale $30.000; stavi vendendo a $300.000, ora lo vendi $ 30.000, ed è vero. Ho un lettore CD nella mia macchina, ecco tutto. Voglio dire, il modello fisico delle vendite di dischi è cambiato, so che ora tutti oggi pubblicano i loro numeri di Spotify, è l’umile vanto annuale che dice, ‘Quanti stream, quanti ascolti… “

Infine, queste sono state le sue dichiarazioni a proposito: “Lo streaming è il futuro e mi dispiace per i cantautori e per molti artisti che fanno affidamento sui soldi delle cassette postali per sopravvivere. Ma una volta che il gatto è fuori dalla borsa, non torna più dentro. Non puoi semplicemente costringere le persone ad andare nei negozi di dischi e dire, ‘Oh, vendiamo di nuovo CD’. È troppo comodo puntare e fare clic”.

Share