2 August, 2021, 15:15

Pink Floyd, la storia di come Syd Barrett formò la band

Oggi, 6 gennaio 2021Syd Barrett avrebbe compiuto 75 anni. Lo storico primo frontman dei Pink Floyd ha segnato in maniera indelebile la storia del rock, nonostante la sua carriera breve e fulminante. Ecco come l’artista originario di Cambridge contribuì a far nascere e crescere la band, fino a farla diventare una delle più importanti della storia della musica mondiale.

Gli albori della carriera musicale di Syd Barrett

Fin da adolescente, Roger Keith non nascose mai la sua forte predilezione per la musica in tutte le sue forme. All’età di 14 anni, scelse di acquistare un ukulele, poi si interessò anche al banjo e alla chitarra folk. Si interessò a Bo Diddley, agli Shadows e a Buddy Holly. Quindi, il futuro Syd Barrett conobbe un batterista che si chiamava Sid Barrett. Gli diedero la y al posto della proprio per questa distinzione. Furono solo gli albori di una carriera che sarebbe stata leggendaria.

I primi gruppi del futuro frontman dei Pink Floyd

Quindi, Syd Barrett entrò a far parte della band dei Geoff Mott and the Mottoes, che annoverava come membro turnista anche un certo Roger Waters. Barrett iniziò a comporre brani e a dipingere quadri, anche se era già alle prese con la marijuana. Quindi, entrò in contatto con due sue vecchi amici, il chitarrista John Gordon e il polistrumentista David Gilmour. Diede così vita al progetto Jokers Wild, per poi coltivare il sogno di creare una band con Waters e Rado Klose. Quindi, si aggregò ad un progetto portato avanti dai due colleghi preferiti e creò il gruppo Spectrum Five, che comprendeva anche Nick MasonRichard Wright. Ormai i Pink Floyd erano pronti a prendere forma.

Come nacquero i Pink Floyd di Syd Barrett

Fu così che Syd Barrett diede inizio all’epopea dei Pink Floyd Sound, che nel 1965 si trasformarono solo in Pink Floyd. Il nome nacque dall’ispirazione di due grandi musicisti bluesPink AndersonFloyd Council. Tuttavia, Pink e Floyd erano anche i nomi dei due gatti di Barrett, ma si diceva addirittura che fossero stati suggeriti dagli alieni. Syd compose i primi due brani della band, ossia Lucy Leave e (I’m A) King Bee, cover di un successo di Slim Harpo. I Pink Floyd stavano acquisendo uno stile originale e sempre più persone stavano iniziando ad apprezzarli. Tuttavia, Klose decise di lasciare il progetto prima che decollasse in maniera definitiva a causa della sua deriva rock, dato che lui era appassionato di blues.

Le prime esibizioni del gruppo

Pink Floyd sono così pronti a sfondare in maniera definitiva. Suonano presso il Countdown Club di Kensington High Street e prendono parte a provini e concorsi rock. Vengono poi ingaggiati dal locale Marquee Club, prima di diventare una band da prime posizioni della hit parade grazie al primo album The Piper at the Gates of Dawn. Si trattava di un vero capolavoro di rock psichedelico, ma i problemi iniziarono ad emergere a causa dei problemi mentali di Syd Barrett. Quest’ultimo lasciò definitivamente la band nel mese di aprile del 1968 e tentò la carriera da solista, prima di ritirarsi nella sua Cambridge a vita privata fino al 7 luglio 2006, giorno della sua tragica morte.

Share