5 August, 2021, 23:26

I migliori chitarristi Rock che suonano un’Ibanez

Il marchio Ibanez nasce nel 1935, dalla scalata verso il successo imprenditoriale dell’azienda giapponese Hoshino Gakki Co.LTD. che, nel periodo del boom musicale, ha ricoperto un ruolo da protagonista nella costruzione di strumenti d’importazione accessibili a tutte le tasche. Data la qualità sempre crescente delle sue produzioni, negli anni Ibanez è diventato un colosso dell’imprenditoria musicale, nonché un marchio iconico tanto quanto gli americani Fender e Gibson. Il marchio giapponese esercitò un ruolo di punta nell’ascesa del virtuosismo chitarristico degli anni ’80, costruendo strumenti di elevata caratura, dalle prestazioni altissime. Oggi, Ibanez è un simbolo di qualità, con i suoi modelli che vengono utilizzati dai migliori chitarristi della scena Rock e Metal. In quest’articolo, abbiamo raccolto alcuni tra i nomi più rilevanti.

Joe Satriani

Apriamo questa classifica con il leggendario chitarrista statunitense Joe Satriani. Pur non disdegnando virtuosismi assolutamente fuori dal comune, il playing di Satriani risente delle inflessioni di grandi protagonisti delle scene Rock classiche, tra cui Eric Clapton e Jeff Beck, tra gli altri. Il suo approccio allo strumento potrebbe essere definito poliedrico, così come lo spettro di influenze che lo caratterizza. Sul palco come in studio, Satriani utilizza i suoi vari modelli Signature Ibanez JS, in produzione dal 1987.

Daron Malakian

Sebbene siano celebri le sue apparizioni con modelli Gibson SG, Daron Malakian è tra i migliori chitarristi nella storia di Rock e Metal ad aver utilizzato assiduamente chitarre Ibanez. L’artista, del resto, mostrò il suo profondo attaccamento al marchio sin dai primi anni con i System Of A Down, dove col suo playing sopraffino, ebbe modo di rivoluzionare il mondo della chitarra Nu Metal. Daron sviluppò un modello Signature con la casa giapponese, sulla base delle celebri linee aggressive della Iceman, strumento sfoggiato con grande orgoglio da chitarristi storici del Rock come Paul Stanley dei KISS.

Paul Gilbert

Tra i migliori chitarristi shredder di tutti i tempi, Paul Gilbert è ben noto al pubblico per la sua militanza in gruppi come Racer X e Mr. Big, nei quali ha dato libero sfogo al suo estro sconfinato. Chitarrista estremamente tecnico, Paul Gilbert suona esclusivamente Ibanez dall’ormai lontano 1988. Due anni dopo, nel 1990, l’azienda avrebbe messo in produzione il PGM 100, Paul Gilbert Model, un esemplare di chitarra elettrica su base RG con pickup DiMarzio. Negli anni, i modelli Paul Gilbert si sono susseguiti con grande frequenza, allargando il catalogo di chitarre che recano il suo nome sulla paletta in maniera piuttosto notevole.

Kiko Loureiro

Nato Pedro Henrique Loureiro a Rio De Janeiro nel 1972, Kiko Loureiro è famoso sul panorama musicale contemporaneo per essere, dal 2015, chitarrista solista dei Megadeth. Il suo stile si caratterizza per velocità e precisione letali, nonché per una pulizia assolutamente impressionante. Influenzato da chitarristi leggendari come Eddie Van Halen e Rhandy Rhoads, Loureiro  utilizza da molti anni ormai, modelli Ibanez firmati con specifiche elevatissime.

Steve Vai

Non potevamo non chiudere questa classifica  con Steve Vai. Chitarrista iconico che, col suo stile tanto espressivo quanto fulmineo, ha cambiato più di tutti il volto della chitarra elettrica. Genio visionario, Vai ha dimensionato la sua strumentazione, in funzione del sound che voleva ottenerne. Da questi presupposti nacquero modelli rudimentali di ciò che, sottoposto alla cura e all’attenzione nei dettagli tipici di Ibanez, divenne la JEM. Si tratta di un modello famosissimo che la casa giapponese cominciò a produrre per Steve già nel 1987. La JEM segnò un punto di svolta nella costruzione di chitarre ad alte prestazioni e, ancora oggi, rappresenta un punto di riferimento per i chitarristi virtuosi. Non molto tempo fa, Vai e Ibanez hanno rivisitato il design della JEM, dando vita a PIA, incarnazione di ultimissima generazione del sodalizio tra il chitarrista e l’azienda.

Share