R3M
LIVE

Kurt Cobain: i 10 film che hanno segnato la vita del leader dei Nirvana

Torniamo oggi a parlare di uno dei volti più iconici degli anni novanta e, più in generale, della scena grunge: Kurt Cobain. In questo articolo non ci soffermeremo sullo spirito anticonformista dello storico leader dei Nirvana, sul suo inconfondibile look o sulla creazione di brani che hanno scritto inevitabilmente pagine indelebili nella storia della musica: cercheremo, piuttosto, di approfondire il suo rapporto con il cinema. Il frontman dei Nirvana -per chi non lo sapesse- ha sempre avuto una vera e propria venerazione per il grande schermo, una passione grande tanto quanto quella per la musica e, in questo articolo, ripercorreremo e prenderemo in analisi proprio i dieci film che hanno maggiormente influenzato e ispirato Kurt Cobain.

I 10 film che hanno segnato la vita di Kurt Cobain: Giovani Guerrieri – Jonathan Kaplan

Diretto da Jonathan Kaplan e datato 1979, ‘Giovani Guerrieri‘ narra la storia di un gruppo di adolescenti ribelli di una piccola cittadina degli Stati Uniti. Il film segna il debutto assoluto dell’attore Matt Dillon sul grande schermo ed è, come dicevamo, è uno dei film preferiti del frontman dei Nirvana.

This Is Spinal Tap – Rob Reiner

Questo falso-documentario, incentrato su una band fittizia chiamata proprio Spinal Tap, non è altro che un ritratto esilarante del mondo dell’heavy metal (così esilarante da creare addirittura un fan club della suddetta band immaginaria).

La mente che cancella – David Lynch

In questa classifica dei 10 film che hanno segnato la vita di Kurt Cobain non poteva certo mancare il film d’esordio del maestro David Lynch. Realizzato nell’arco di 5 anni e girato completamente in bianco e nero, ‘Eraserhead‘ è considerato ancora oggi uno dei più grandi capolavori del regista statunitense.

Le iene – Quentin Tarantino

Kurt Cobain amava l’arte in tutte le sue forme e, di cinema -come di musica- se ne intendeva parecchio. Uno dei film preferiti dello storico leader dei Nirvana era infatti ‘Le Iene‘ di Quentin Tarantino, punto cardine del cinema indipendente.

Incontri ravvicinati del terzo tipo – Steven Spielberg

Capolavoro indiscusso della filmografia di Steven Spielberg, ‘Incontri ravvicinati del terzo tipo‘ è la prima pellicola in assoluto in cui si narra di un ipotetico contatto tra il mondo alieno e quello umano.

Pink Flamingos – John Waters

Conosciuto soprattutto per aver regalato al mondo del grande schermo alcune delle scene più oltraggiose mai girate, Pink Flamingos rappresenta uno dei manifesti del cinema trash ed è, naturalmente, una delle pellicole più provocatorie del regista John Waters.

Il pasto nudo – David Cronenberg

Adattamento cinematografico del libro di William S. Burroughs, Il pasto nudo è un film del 1991 diretto dall’iconico David Cronenberg. Nonostante non goda della stessa fama del libro, la pellicola è comunque molto fedele allo spirito ribelle e anticonformista del saggista e scrittore statunitense.

La finestra sul cortile – Alfred Hitchcock

Proseguiamo questa singolare classifica dei 10 film che maggiormente hanno influenzato la vita di Kurt Cobain con uno dei più grandi capolavori della storia del cinema: ‘La finestra sul cortile‘ del leggendario Alfred Hitchcock.

Don’t Look Back – D.A. Pennebaker

Documentario del regista D.A. Pennebaker, Don’t Look Back si basa su una serie di concerti tenuti da Bob Dylan nel Regno Unito nel 1965. Stiamo parlando, non a caso, di uno dei lungometraggi più importanti del mondo del rock.

Paris, Texas – Wim Wenders

Concludiamo quindi con quello che Kurt Cobain considerava il suo film preferito di tutti i tempi: ‘Paris, Texas‘. Girato interamente dal regista tedesco Wim Wenders, il film narra la storia di un certo Travis Henderson: un uomo che vaga da solo tra le rocce di una zona desertica -al confine tra Messico e Stati Uniti- senza alcun ricordo della sua vita.

Articoli correlati

Condividi