R3M
LIVE

Slash racconta di quell’album registrato in cinque giorni

Slash è uno dei chitarristi più famosi e acclamati del mondo del musica. Di sicuro coinvolgente e con un suono tutto suo che lo caratterizza, ha segnato gli anni Ottanta e Novanta e, a soli ventun anni, fece il suo debutto con i Guns N’ Roses. Come è noto la band ebbe qualche problema con il passare del tempo, attriti e polarizzazioni hanno portato all’allontanamento dello stesso Slash, fino all’abbandono. Naturalmente la sua attività non si è fermata con l’uscita dai Guns, anzi, ha continuato il suo percorso portando avanti notevoli successi e collaborazioni. Qui la storia dell’album che Slash registrò in soli cinque giorni!

Slash e la velocità

Slash, ha indubbiamente avuto la capacità di rimanere, in un certo qual modo, impresso sia per il suo stile che per la sua musica. Come è già stato precisato la carriera del chitarrista non è stata molto lineare, dato che tra il 1995-1996 lascia la band con cui collaborava da anni. Non si è quasi mai fermato e negli ultimi tempi ha deciso di vagliare anche questa avventura, la registrazione di un album in soli cinque giorni… più veloce di così?

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Slash (@slash)

L’intervista a Slash e i suoi racconti

Slash, al suo quinto album da solista e dopo una lunga carriera alle spalle, sembra essere molto entusiasta di questo progetto e lo racconta a GuitarWorl con molto coinvolgimento.

“Sì, è stato veloce. Quando abbiamo iniziato a cercare un produttore avevo una lista molto breve di potenziali ragazzi del rock ‘n’ roll. Dave Cobb era uno di quelli. Aveva suonato i Rival Sons, una band che mi piace molto, e un mucchio di roba country davvero cool. Abbiamo discusso di come ci piaceva il rock ‘n’ roll suonato dal vivo e dell’energia che ne derivava”. 

L’album, racconta, è stato scritto in tournée, ma la pandemia ha giustamente tardato tutti i lavori e dilatato i tempi. Discute anche del suono della sua chitarra che questa volta è stato considerato molto più pulito rispetto al solito, caratteristi che Slash attribuisce sia al modo in cui è stato registrato, sia al modo in cui è stato importato. Incredibile pensare come la maggior parte di un album sia stato registrato in soli cinque giorni, eppure, SLASH FEATURING MYLES KENNEDY AND THE CONSPIRATORS, hanno sorpreso tutti. Il titolo dell’album è “4” ed è stato lanciato l’11 Febbraio di quest’anno.

Articoli correlati

Condividi