R3M
LIVE

Metallica, il grande gesto della band statunitense verso l’Ucraina

La situazione in questo momento, è sempre più delicata per via del contesto molto teso tra Ucraina e Russia. Molti paesi così come molti enti si stanno muovendo per cercare di aiutare quanto più possibile chi, in questo periodo, non ha proprio la possibilità di permettersi una vita diversa. Anche l’organizzazione benefica per conto dei Metallica ha cercato di contribuire, donando una grossa cifra per sfamare i rifugiati ucraini.

L’iniziativa dei Metallica

Se c’è la possibilità di contribuire a far star meglio qualcuno, di certo si fa di tutto. Come già anticipato, purtroppo, la situazione in questo periodo non è proprio facile, né tantomeno arginabile. Visto il tutto, anche i Metallica si sono impegnati nel cercare di fare qualcosa, donando una cifra molto corposa alla World Central Kitchen, che si occupa di sfamare i rifugiati in Ucraina.

“Il lavoro che lo chef José Andrés e i cuochi devoti di World Central Kitchen svolgono in prima linea in una crisi umanitaria è a dir poco incredibile”, ha detto il batterista Lars Ulrich.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Metallica (@metallica)

Un obiettivo più grande

Pur avendo donato già mezzo milione in dollari, i Metallica si dicono pronti a fare di più. La band ha detto che vorrebbe raccogliere ancora più soldi per la causa, con l’obiettivo di $ 1 milione nei prossimi due mesi e per cercare di arrivare all’obiettivo stanno promuovendo e vendendo una nuova maglietta, disegnata dall’artista Andrew Cremeans. Tutti i proventi andranno a beneficio della campagna #ChefsForUkraine di World Central Kitchen.

“Siamo ispirati, umiliati e oltre che orgogliosi di supportare le loro squadre attualmente in sei paesi europei al servizio dei milioni di ucraini che sono stati costretti a lasciare le loro case”.

Ulrich ha continuato: “WCK rappresenta tutto ciò che i Metallica e la nostra All Within My Hands Foundation rappresentano fornendo pasti con dignità e speranza in tutto il mondo”

Articoli correlati

Condividi