R3M
LIVE

Sette canzoni rock per ogni giorno della settimana

La musica riempie sempre le nostre giornate. Sappiamo che la giusta colonna sonora può addirittura fare la differenza tra un giorno no è un bel momento. Per questo, abbiamo raccolto per voi sette canzoni. Una per ogni giorno della settimana.

Lunedì: New Order – Blue Monday

Probabilmente il lunedì è quello che più di tutti ha bisogno della giusta colonna sonora. Perché è il giorno in cui dopo il weekend si ricomincia a lavorare e riprendere le attività, per chi ha la fortuna di avere il weekend libero ovviamente. Il concetto di Blue Monday si è diffuso al punto che esiste anche un giorno che è conosciuto come il più triste dell’anno. Di solito corrisponde al terzo lunedì di Gennaio. In questo caso, con Blue Monday ci riferiamo alla canzone dei New Order, che la composero pensando al fatto che il pubblico durante i suoi concerti non aveva mai chiesto un bis.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Lynyrd Skynyrd (@skynyrd)

Martedì: Lynyrd Skynyrd – Tuesday’s Gone

Tra le nostre sette canzoni eccone una poco conosciuta. Martedì è un giorno piuttosto anonimo, diciamo che non è né carne né pesce. Forse anche per questo questa canzone dei Lynyrd Skynyrd non è famosissima. È tratta dal loro album di debutto ed è anche una delle poche canzoni dei Lynyrd Skynyrd in cui Bob Burns, uno dei membri fondatori del gruppo e batterista, non suona quantomeno in studio, ovviamente.

Mercoledì: John Frusciante – Wednesday’s Song

Il quinto album solista di John Frusciante, Shadows Collide with People, ci regala una canzone perfetta per il giorno di “mezzo” per antonomasia. Il testo è molto introspettivo e descrive i pensieri di un mercoledì, ascoltando una canzone in tema con quel giorno.

Giovedì: David Bowie – Thursday’s Child

Non potevamo non inserire un brano del Duca Bianco in questa classifica. Il titolo in realtà non si riferisce direttamente al giorno del giovedì, ma si ispira al libro preferito di David Bowie quando aveva quattordici anni: Il fanciullo del giovedì è infatti il nome dell’autobiografia dell’attrice e cantante Eartha Kitt.

Venerdì: The Cure – Friday I’m in love

Riguardo al venerdì diverse sarebbero state le scelte, visto che più ci addentriamo nel weekend più è facile trovare canzoni che ne parlano, essendo un momento della vita in cui si esce, quindi più facilmente si incontrano persone e si hanno aneddoti divertenti. Abbiamo scelto questa canzone dei Cure perché li lega ai New Order di cui già abbiamo parlato. Infatti, Robert Smith ci perennemente tormentato da un senso di colpa per aver copiato la melodia da qualcosa, ma non sapeva cosa fosse. Con il tempo si è notato che effettivamente la canzone assomiglia a All The Way dei New Order, ma anche a un brano dei Cure stessi, Just Like Heaven.

Sabato: Bon Jovi – Someday I’ll Be Saturday Night

Non è la canzone più amata dei Bon Jovi, ma è perfetta per il sabato. Innanzitutto in quanto si focalizza sull’aspetto più importante di questo periodo, ovvero la sera. Il sabato sera è un momento particolare della vita soprattutto dei più giovani. Nel ritornello il protagonista dice di sentirsi come un lunedì, ma un giorno sarà come un sabato sera. I giorni della settimana sono quindi metafora di uno stato d’animo.

Domenica: Morrissey – Everyday is like Sunday

Altra parentesi solista di un membro di una band importante. Morrissey, frontman degli Smiths, è prima di tutto uno scrittore e per molti un poeta. Il testo è per questo molto intenso e secondo Morrissey ispirato ad un viaggio che fece a Borth, località balneare del Galles. Parla di un uomo che ripensa ad un brutto periodo che ha vissuto proprio in una località vicino al mare. Secondo molti il testo somiglia alla poesia Slough di John Betjeman.

Articoli correlati

Condividi