R3M
LIVE

Le migliori canzoni metal sulle delusioni

La musica ha il potere di farci sentire compresi, di darci conforto quanto tutto ci sembra difficile, perché una giusta colonna sonora può davvero cambiare le cose. Tante volte ci rivediamo in testi interessanti o complessi, specie quelli metal poiché sono di solito più introspettivi. Oggi vogliamo consigliarvi quattro canzoni metal da ascoltare dopo una delusione, un tradimento, o comunque qualcosa che vi abbia toccato in negativo da parte di qualcuno di cui vi fidavate. Chiaramente tante sarebbero da citare, solo queste sono pochissime, quindi magari fateci sapere quali sono le vostre preferite.

Slipknot – Snuff

Corey Taylor ha composto questo brano per una persona che ha dichiarato di aver amato, ma che lo ha deluso. Il contenuto personale della canzone si vede anche dal fatto che nel video ufficiale il cantante degli Slipknot appaia senza maschera. Già il titolo ha un valore metaforico; come sappiamo nel cinema l’espressione snuff o snuff movie (che significa “spegnere lentamente”) definisce video che riprendono torture o omicidi realmente accaduti.

Megadeth – In my darkest hour

Dave Mustaine ha spiegato la genesi di questa canzone così profonda, che affonda le sue radici nel tragico incidente dove perse la vita il bassista dei Metallica Cliff Burton:

Ho scritto solo una canzone in una sola seduta, una canzone intitolata “In My Darkest Hour”, ed è stato perché qualcuno che ho amato molto era morto in un incidente di bus. L’ho scoperto in un modo davvero schifoso, perché le persone che erano più vicine a questo mio amico non me l’avevano detto.

La delusione e il tradimento in questo caso hanno anche più intensità, se pensiamo che stiamo parlando di vera esperienza vissuta.

Metallica – The Judas kiss

Questa canzone utilizza la metafora del celebre bacio di Giuda – il traditore per antonomasia – a Gesù per elencare una serie di circostanze in cui ci sentiamo traditi o delusi. È un testo decisamente cupo, ma anche tristemente vero poiché dipinge un quadro che tutti noi abbiamo vissuto.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Pantera (@panteraofficial)

Pantera – Walk

Ancora una volta una canzone basata sull’esperienza personale dell’artista che l’ha composta. Il cantante Phil Anselmo ha detto che l’ha scritta pensando agli amici della band che avevano cominciato a trattare i membri in modo diverso quando sono arrivati ​​a casa dopo il tour per Cowboys from Hell, come se fosse cambiato qualcosa. Una profonda delusione che abbiamo provato tutti almeno una volta, notare che gli amici non sono entusiasti dei nostri successi.

Articoli correlati

Condividi