5 canzoni che hanno reso leggendari i Pink Floyd

Eccoci di nuovo a parlare dei Pink Floyd, uno dei gruppi più importanti della storia e che ha influenzato milioni dii musicisti. Vi vogliamo proporre una lista delle 5 canzoni che hanno reso leggendari i Pink Floyd.

Comfortably Numb

Pezzo intramontabile dei Pink Floyd proveniente dal album del ’79 The Wall votata secondo la rivista The Amazing Pudding come la canzone più bella della band e inserita al 314 posto nella Lista dei 500 migliori brani musicali secondo Rolling Stone.

La canzone affronta la paura e la difficoltà di Pink, il protagonista di The Wall, nel condurre una vita da rockstar. Consultando un dottore quest’ultimo gli fa un’iniezione per donargli la forza necessaria. La canzone è un dialgo tra il paziente e il dottore interpretati da Waters (dottore) e Gilmur (paziente).

Another Brick In The Wall

Una delle canzoni più famose dei Pink Floyd suddivisa in tre parti tratto dall’album The Wall che ripercorre la storia di Pink il quale nella prima parte scopre che suo padre è morto in guerra, iniziando a costruire il suo muro mentale.

Nella seconda Pink sogna il momento in cui i ragazzi si ribelleranno ai loro maestri troppo severi, gli insegnanti rappresentano un altro mattone del suo muro psicologico. Nella terza e ultima parte Pink completa il muro isolandosi da tutto e da tutti.

The Great Gig In The Sky

Canzone tratta dall’album più conosciuto del gruppo, The Dark Side Of The Moon. Il brano tratta il tema della morte, con l’assolo di voce rimasto nella storia di Clare Torry.

Le registrazioni non piacquero particolarmente alla cantante tanto da arrivare a pensare che i Pink Floyd avrebbero presto scartato le sue tracce audio. I membri della band invece rimasero stupiti dalla performance della Torry che aveva improvvisato l’assolo.

Money

Una fra le canzoni più famose e conosciute dei Pink Floyd. L’intro di basso è il più celebre della storia della musica e introduce la canzone che affronta il tema del denaro che è la causa di tutti i mali dell’uomo secondo Waters ma l’essere umano pur essendone consapevole non riesce a privarsene.

Echoes

Canzone emblematica del gruppo che occupa tutto il lato B dell’album. Il brano parla di due vicende: nella prima un uomo è su una spiaggia e pensa alla donna amata, interrogandosi sul senso della vita e la seconda parte parla della vita stessa e della sua creazione e genesi.

La canzone dura 23 minuti e 31 secondi nei quali si alternano parti molto psichedeliche e lente, caratterizzate da suoni unici e singolari, a parti che spaziano dallo blues al funk e più ritmate.

Share

Matteo Natalìa, 19 anni, mi divido principalmente tra la passione per la musica, in particolare suonare la batteria e scrivere. Esperto articolista di musica grunge e hippie. (matteo.natalia@libero.it)