gtag('config', 'UA-102787715-1');

5 grandi band che non esisterebbero senza i Korn

I Korn sono stati tra i principali protagonisti della rivoluzione sonica del Nu Metal. La band di Jonathan Davis ha cambiato il volto della musica in un periodo storico straordinariamente fervente come gli anni ’90. Quel torno di tempo ha assistito al susseguirsi di alcune tra le band più importanti di sempre. Se la prima parte del decennio vide i mostri sacri del Grunge riportare in auge i veri ideali del Rock, eclissati dall’edonismo dell’Hair Metal degli anni ’80, la seconda metà degli anni ’90 segnò la riaffermazione del Metal come genere di punta delle scene più Heavy.

Attraverso le sue contaminazioni Hip Hop, miste ad una ferocia, fino ad allora, inaudita, il Nu Metal si affermò in men che non si dica come un fenomeno di massa; raccogliendo immediatamente milioni di fan sotto la propria ala. Come detto, tra i suoi fautori più brillanti, figura il nome dei Korn.

Parliamo di una band aggressiva, dal sound unico ed impressionante. Sebbene nel corso degli anni, i grandi protagonisti del Nu Metal abbiano virato verso altre sponde sonore, i Korn sono rimasti fedeli alle origini e, pur crescendo in termini artistici ed espressivi, hanno perpetuato lo stile iconico con cui sono passati alla storia. I Korn non sono solo una band fondamentale per il Nu Metal, avendo ispirato dozzine di gruppi a consacrare la propria opera alle digressioni più moderne del genere. In questa classifica, abbiamo raccolto cinque grandi band che, senza l’apporto dei Korn sulle scene, non esisterebbero.

5) Soulfly

Il contributo dei Korn nelle scelte stilistiche di Max Cavalera è fondamentale. Il frontman dei Sepultura rimase estremamente affascinato dall’album di debutto della band simbolo del Nu Metal, arrivando ad ingaggiare il suo produttore, Ross Robinson, nella speranza che potesse riprodurre la caratura del disco in Roots, del 1996. Inoltre, Cavalera ebbe modo di arricchire il brano Lookaway con la voce unica di Jonathan Davis e Ratamahatta con la batteria di David Silveira. Possiamo sicuramente affermare che gli stessi Sepultura sarebbero tra le band che senza i Korn non esisterebbero, ma quando Max lasciò il gruppo per creare i Soulfly, decise di ispirarsi al gruppo ancor più profondamente.

4) Suicide Silence

Sebbene siano stati, inizialmente, ispirati dal Death Metal Classico e dall’Hardcore di stampo moderno, i pionieri del Deathcore, i Suicide Silence, si spinsero oltre la loro comfort zone con The Black Crown, loro terzo album del 2011. Il disco sancì l’approdo della band sulle sponde del Nu Metal, portandoli a raccogliere un successo strepitoso sul piano internazionale. In determinati brani, l’apporto dei Korn è particolarmente profondo, soprattutto sotto l’aspetto ritmico. Inoltre, Davis ebbe modo di collaborare con i Suicide Silence per Witness The Addiction. La band avrebbe rinnovato la sua ammirazione nei confronti dei Korn eseguendo una cover di Blind sull’album digitale Live And Mental.

3) Slipknot

Per quanto gli Slipknot abbiano surclassato i Korn sotto l’aspetto commerciale e, soprattutto, abbiano proposto nel lungo periodo un sound più eclettico ed orientato su una commistione di sottogeneri ricercati, arrivando a portare tematiche critiche in vetta alle classifiche di tutto il mondo, la band di Jonathan Davis funse da apripista agli Slipknot dei primissimi anni. La ferocia ed il nichilismo esplicati nelle linee fuori controllo degli Slipknot degli albori, sono particolarmente ispirate dall’opera dei Korn.

2) Touché Amoré

Formatisi a Los Angeles, nel 2007, i Touché Amoré sono una Post-Hardcore band statunitense. Si tratta di uno dei gruppi che, sicuramente, non esisterebbero senza band come i Korn. Sebbene non sembri una scelta ovvia, infatti, il gruppo rivelò in diverse occasioni di ispirarsi molto al gruppo di You’ll Never Find Me. Il cantante dei Touché Amoré, Jeremy Bolm, risente profondamente delle inflessioni dello stile vocale e compositivo di Davis; essendo che i testi del gruppo riportano significati introspettivi su strumentali oscure.

1) Employed To Serve

Gli Employed To Serve sono una band di punta del panorama musicale britannico degli ultimi anni. Il gruppo si ispira alle sonorità di gruppi come Converge e The Dillinger Escape. Il loro amore per il Nu Metal, però, è stato messo in risalto negli ultimi tre dischi.  Nel corso delle interviste, i membri degli Employed To Serve non si sono mai tirati indietro dall’esprimere la loro gratitudine ai Korn, senza i quali, probabilmente, non esisterebbero.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)