gtag('config', 'UA-102787715-1');

5 Rock band che hanno “rubato” il loro sound

Solitamente, l’obiettivo principale di una band è quello di trovare un proprio sound d’appartenenza; possibilmente qualcosa di mai sentito prima. Sebbene possa sembrare particolarmente facile per un gruppo seguire le tendenze del momento, omologandosi, ricercare il proprio stile ed un’identità artistica del tutto personale rappresenta, sicuramente, una strada più divertente quanto tortuosa. In quest’articolo, abbiamo deciso di raccogliere alcune band che, nonostante si distinguano per un sound decisamente accattivante, questo sia stato, volutamente, “rubato” da quello di altri gruppi Rock.

Nonostante la stragrande maggioranza dei musicisti tenda a distanziarsi dalle sonorità da cui attingono le maggiori influenze, molte band arrivano a non essere, assolutamente, timidi nell’esternare da dove provenga il loro sound di riferimento. In molti, infatti, scelgono di ispirarsi esplicitamente ai propri beniamini; proponendo uno stile particolarmente simile o, addirittura, riproponendo le stesse progressioni d’accordi nelle melodie.

Sembrerebbe, di primo acchito, che queste Rock Band si siano fatte prendere un po’ troppo dalle loro stesse influenze. A dispetto delle premesse, però, alcune Rock Band riescono a sviluppare un proprio sound personale, smettendo di vivere nell’ombra delle proprie influenze. Il cammino che porta alla crescita musicale, in effetti, ha proprio come prerogativa la costruzione di uno stile del tutto personale.

5) Mr. Bungle e Red Hot Chili Peppers

Quando ci si ispira troppo al sound di una band in particolare, gli artisti in questione possono sviluppare un’avversione ben marcata nei confronti dei gruppi; arrivando a reputarli ladri o usurpatori. In determinati casi, queste similarità possono portare all’apertura di vere e proprie faide. In questa sede, è il caso di citare i Mr. Bungle; formatisi negli anni ’90, per opera del cantante dei Faith No More, Mike Patton. Il gruppo si ispirava liberamente al Crossover di cui, i Red Hot Chili Peppers, si resero pionieri. I Mr.Bungle alimentarono l’astio dei Red Hot Chili Peppers proponendo dal vivo i loro stessi brani, modificando il testo. Non mancarono, inoltre, una serie di frecciatine che i Mr. Bungle scagliarono contro i problemi di droga che, al tempo, attanagliavano Kiedis e compagni. Disgustati dal comportamento dei colleghi, i Red Hot arrivarono a cancellare la partecipazione dei Mr. Bungle da un importante festival a cui avrebbero dovuto presenziare.

4) Metallica e Megadeth

L’apporto di Dave Mustaine sull’opera dei Metallica fu dei più profondi. Nonostante la brusca dipartita, infatti, Mustaine mise la firma su alcuni dei Riff più accattivanti ed iconici della band simbolo del Thrash Metal. Sebbene la faida tra Megadeth e Metallica sia stata, per anni, tra le più accese, il tradimento che la band di James Hetfield inflisse all’ex compagno di band “rubando” i suoi riff ed utilizzandoli in dischi come Ride The Lightning dopo averlo cacciato, spinse Mustaine verso una sorta di chiamata alle armi. Il chitarrista decise, quindi, di fondare i Megadeth e di proporre alcuni dei riff che aveva scritto per i Metallica, utilizzando, però, strutture differenti e, ovviamente linee vocali completamente diverse.

3) Aerosmith e Rolling Stones

Nonostante i cambi di rotta di entrambe le band riguardo il loro sound di riferimento; pare chiaro il fortissimo apporto che i Rolling Stones ebbero sugli Aerosmith dei primi anni. Il sound di riferimento della Rock band statunitense era particolarmente simile a quello dell’iconico gruppo di Sticky Fingers, tanto da sembrare “rubato”. Inoltre, la chimica che si instaurò tra Steven Tyler e Joe Perry, sembrò una versione caricaturale del rapporto tra Mick Jagger e Keith Richards.

2) Queen e My Chemical Romance

I My Chemical Romance sono sempre stati al centro di accesi dibattiti e polemiche. Sin dai suoi esordi, la band è stata soggetta ad aspre critiche sul proprio stile musicale e sul proprio look sul palco. L’astio nei confronti dei My Chemical Romance sembrò attenuarsi con l’uscita di Welcome To The Black Parade; un brano esplicitamente ispirato alla maestosa opera dei Queen di Freddie Mercury; capace di combinare diversi generi diametralmente opposti, nel tentativo di dare vita ad una sorta di Goth Opera. Sebbene il brano abbia riscosso un’ampia fetta di consensi; viene da molti definito come un’imitazione di Bohemian Rhapsody.

1) Mushroom Head e Slipknot

Gli Slipknot irruppero sul panorama musicale della fine degli anni ’90 con feroce prepotenza. Il loro sound, aggressivo ed incendiario come pochi, li portò ben presto sul tetto del mondo. Ciò che non tutti sanno, però, è che, i Nove del Nodo furono per lungo tempo accusati di aver “rubato” il loro sound ed il loro inconfondibile look sul palco da una band molto simile, i Mushroom Head. Durante i primi anni degli Slipknot, il dibattito sembrò gravare sulle spalle dei membri del gruppo in maniera non indifferente. Oggi, invece, il fuoco che alimentava l’astio tra le due band sembra essersi definitivamente spento, con i membri dei due gruppi intenti, spesso, a collaborare.

 

 

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (email:claudio190901@gmail.com)