5 tour rock che verranno ricordati per sempre

Numerose band rock sono riuscite a costruire parte del loro successo anche grazie a performance entrate nell’immaginario collettivo dei loro numerosi fan. Sono davvero molteplici le star che hanno allestito spettacoli da urlo, con produzioni all’insegna di effetti speciali fuori dal comune. A tal proposito vi mostriamo una sequenza formata da 5 tour rock che verranno ricordati per sempre. Avrebbero potuto far parte dell’elenco numerose altre opzioni, dal Darkness Tour di Bruce Springsteen del 1978 al Purple Rain Tour di Prince nel 1984-85, senza dimenticare gente del calibro dei The Clash, dei Sex Pistols, dei Pink Floyd e di Bob Dylan. Non è stata una scelta facile, ma i risultati sono i seguenti e vedono la presenza di cinque tournée iconiche sotto ogni punto di vista.

5) Queen – The Magic Tour (1986)

Iniziamo con il Magic Tour dei Queen. Mentre i fan stavano assistendo a questi concerti, non avrebbero mai potuto immaginare che sarebbero stati gli ultimi della band con il frontman Freddie Mercury e il bassista John Deacon. Il primo, negli anni successi, avrebbe avuto a che fare con la degenerazione dell’AIDS e la conseguente morte, mentre il secondo si sarebbe ritirato a vita privata dopo il decesso del primo. La band rock era ancora all’apice della sua storia, con Freddie sempre a proprio agio con folle ingenti. Fino all’ultimo concerto, i Queen hanno dato veramente tutto sui palchi di ogni angolo del pianeta.

4) David Bowie – The Ziggy Stardust Tour (1972-73)

Le prime apparizioni di David Bowie negli Stati Uniti lasciarono di stucco il pubblico, che lo avevano già conosciuto per The Rise and Fall of Ziggy Stardust e Spiders from Mars. Si presentava con abiti grossolani luccicanti e capelli arancioni, mostrandosi fin da subito sul palco come se fosse il suo habitat naturale. Le persone di tutto il mondo hanno quindi avuto il privilegio di poter ammirare la nascita di un’autentica stella del rock e della musica in generale, capace di assumere un ruolo di primo piano per diverse generazioni.

3) The Who – The Who Tour 1970 (1970)

Ecco un altro tour rock davvero leggendario, considerato come uno dei picchi assoluti della lunga carriera dei The Who. Alle performance musicali, la band è riuscita ad abbinare una serie di gesti entrati nella storia. Ad esempio, in occasione dell’Isle of Wight Festival, il gruppo salì sul palco alle 2 di notte, con John Entwistle vestito con una tuta da scheletro e Keith Moon fuori di testa peggio del solito. Con questi piccoli particolari, sono diventati autentici simboli del classic rock.

2) The Jimi Hendrix Experience – First UK Tour (1967)

La stella di Jimi Hendrix è stata folgorante e fulminea. Dopo aver raggiunto il tanto agognato successo al Monterey Pop Festival, il geniale chitarrista iniziò a consolidare il proprio zoccolo duro di fan nel lontano Regno Unito. Insieme alla sua Experience, iniziò a girare per club anche di piccole dimensioni e si fece notare per aver bruciato diverse chitarre, davanti agli occhi attoniti dei vari servizi di sicurezza. Fu il trampolino di lancio per diventare una star anche nei suoi Stati Uniti.

1) The Beatles – 1965 US Tour (1965)

Concludiamo con la tournée che introdusse il particolare concetto di Beatlemania. A pochi mesi dall’assassinio di John Kennedy, il quintetto di Liverpool iniziò a suonare oltreoceano e organizzò ben 16 date, con concerti anche dalla durata di solo mezz’ora. Ovunque andavano, i Beatles facevano segnare record di presenze e di entrate economiche, attraendo orde infinite di fan. Secondo quanto dichiarato da John Lennon, il tour americano aveva dimostrato quanto una band rock potesse diventare “più popolare di Gesù”.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)