gtag('config', 'UA-102787715-1');

5 volte in cui una band rock cambiò il frontman creando scandalo nei fan

Vai dove si trova il talento, dice un vecchio detto. Di solito all’inizio di ogni buona rock band c’è un cantante fantastico. Che si tratti di aspetto, carisma, energia o semplicemente talento, il frontman deve connettersi di più con i fan e il pubblico. A volte però il frontman, per vari motivi è costretto ad andarsene (o viene accompagnato alla porta). Vediamo allora i 5 volte in cui una band rock cambiò il frontman creando scandalo nei fan. Sarebbe bello citare gli AC/DC che decisero, giusto qualche anno fa, di sostituire Brian Johnson per cause di forza maggiore. Brian aveva moltissimi problemi fisici, tra cui l’udito che stava via via svanendo. Il suo posto venne preso da Axl Rose che non è ricordato molto positivamente dai fan.

Gli Stone Temple Pilots

Vi mettiamo un esempio un po’ diverso dal solito. Il gruppo è stato uno dei pionieri del movimento grunge negli anni ‘90 e ha riscontrato un enorme successo con il loro debutto nel 1992, Core. La band ebbe un grande successo con il frontman Scott Weiland ma c’era una faccia pessima della medaglia. Weiland fu costretto ad andare in rehab a casa di un abuso di droga veramente pesante. Il gruppo temporaneamente si sciolse nel 1998, per poi tornare dopo qualche tempo. Negli anni il gruppo sostituì Weiland con Chester Bennington dei Linkin Park. Va detto che Chester fece un grande lavoro, fino alla sua morte. Pensate, nel 2016 sia Weiland che Bennington erano morti. Da allora c’è Jeff Gutt, ex concorrente di X-Factor.

Black Sabbath e Ozzy

Il gruppo dei Black Sabbath è noto per due epoche distinte nella loro storia: gli anni di Ozzy Osborne e gli anni di Ronnie James Dio. Ozzy provò per la prima volta a ritirarsi dalla band dell’amico Iommi nel 1977 per perseguire una carriera da solista e fu brevemente sostituito da Dave Walker. I fan non presero benissimo l’addio di Ozzy e non apprezzarono Dave Walker e dopo poco Ozzy tornò. Ma solo per poco, perché nel 1979 venne licenziato per far posto a Ronnie James Dio. Ronnie se ne andò dopo due ottimi album e la band decise di chiamare l’ex cantante dei Deep Purple Ian Gillan. Alla fine si riunirono con Ozzy negli anni Novanta dopo altri cambi del cantante (non tutti positivi).

I Mötley Crüe e Vince Neil

Con una reputazione come la loro, ci sarebbero da farne un libro e un film (ed esistono, entrambi si chiamano The Dirt). Dopo aver vissuto come una leggenda negli anni ’80, il cantante Vince Neil se ne andò dal gruppo nel 1992. Neil afferma di essere stato licenziato mentre il bassista Nikki Sixx dichiarò che aveva lasciato di sua spontanea. Vince aveva poi lavorato su una carriera da solista e aveva pubblicato album nel ‘93 e ‘95, ma senza raggiungere la fama dello storico gruppo. I Mötley Crüe avevano continuato a lavorare su un nuovo album dopo accordo da 25 milioni di dollari con l’Elekra Records. Nikki Sixx scelse John Corabi come nuova voce, proveniente dal mondo grunge, e il disco che ne uscì non ebbe il successo sperato. Vince Neil tornò a casa nel 1997.

I Genesis

Beh, c’è bisogno di parlarne? Per noi ecco le 5 volte in cui una band rock cambiò il frontman creando scandalo nei fan. Voi ne avete altri?

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.