gtag('config', 'UA-102787715-1');

50 anni dopo la celebre coppia di Woodstock: guarda com’è cambiata!

Il Festival di Woodstock del 1969 è stato teatro non solo di straordinarie canzoni ed esibizioni incredibili (anche di artisti che non sapevamo, ne abbiamo parlato qui). File audio, canzoni, film e documentari e ovviamente fotografie. Ci sono state alcune fotografie splendide, tra cui quella della “coppia di Woodstock“. Vediamo allora la storia della “coppia di Woodstock“, 50 anni dopo.

La storia della coppia di Woodstock

I due, Judy e Jerry Griffin, si erano conosciuti il 15 agosto 1969. Entrambi erano accomunati non solo da una passione per la musica, ma anche da uno spirito reazionario e rivoluzionario. Da quel giorno non si sono più lasciati. Il momento in cui si incontrarono fa voce a quelle leggende da film, come se fossero una storia raccontata.

Jerry ha raccontato che l’incontro con la futura moglie Judy fu il classico colpo di fulmine. La donna stava guidando per raggiungere Woodstock, ma la macchina si ruppe. Il problema è che mancavano ancora 120 km. L’unica soluzione era l’autostop e fu qui che incontrò Jerry. Fu ovviamente colpito dalla bellezza della ragazza, la fece salire e insieme andarono al festival.

La foto della coppia di Woodstock

Judy e Jerry Griffin avevano raccontato il loro primo incontro a tutte le persone più amate, ma non avevano fotografie o immagini che testimoniassero l’evento. Hanno guardato così, quasi come un rito, il documentario “Woodstock: Three Days that Defined a Generation” e si videro. Quasi per caso. Erano proprio loro. Accettarono quindi di apparire sulla rivista americana People nella stessa posa. In entrambe le foto i due guardano dritto nell’obbiettivo, coprendosi la testa con una coperta verde kaki. 

Woodstock Couple 50 anni dopo

50 anni dopo, Judy e Jerry sono ancora sposati, hanno due figli e sono nonni di cinque nipoti. Da quel 15 agosto 1969, la coppia di Woodstock non si è più lasciata, unita dallo spirito della rivoluzione umana e dalla musica.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.