gtag('config', 'UA-102787715-1');

AC/DC, Angus Young: “Ecco perchè non ho inserito le parti di chitarra di Malcolm nel nuovo album”

Anticipato dalle numerose indiscrezioni, oltre che da particolarissime pubblicazioni che sono avvenute da parte degli stessi AC/DC, il nuovo album della band australiana, Power Up, è in uscita il 13 novembre del 2020. Si tratta del nuovo lavoro discografico degli ACDC dai tempi di Rock or Bust, del 2014, e vedrà per la prima volta la band riunita, anche se in assenza di Malcolm Young, che ha trovato una tragica morte nel 2017, a seguito delle problematiche che avevano riguardato Brian Johnson e Phil Rudd. All’interno dell’album doveva esserci, simbolicamente, anche il fratello di Angus Young, attraverso le sue parti di chitarra che erano state registrate prima della morte nel 2017. Tuttavia, Angus Young ha deciso di non inserire queste stesse, spiegando che a suo fratello non sarebbe piaciuto ciò. Ecco quali sono state le sue dichiarazioni a riguardo.

Perchè le parti di chitarra registrate da Malcolm Young non sono presenti in Power Up

A proposito della decisione di non inserire parti di chitarra registrate da Malcolm Young all’interno di Power Up, Angus Young ha spiegato quanto segue: “So che molte persone hanno detto: Malcolm ha davvero suonato, il suo strumento è presente nel nuovo album? Ho scelto di non farlo perché sentivo che a Malcolm stesso non sarebbe piaciuto che io cercassi di unire la sua chitarra al prodotto discografico. Malcolm ed io… molto di quello che avevamo fatto negli anni, era prendere appunti per le tracce. Alcuni potrebbero essere un po’ ruvidi qua e là, e li ho lucidati. In altri casi, Malcolm ha composto solo un po’ e poi io ho aggiunto la strofa successiva. La maggior parte del contributo di Mal è principalmente musicale.”

Le dichiarazioni di Angus Young sulle difficoltà degli AC/DC

All’interno della stessa intervista, Angus Young ha anche lodato il grandissimo apporto che Axl Rose ha dato alla band australiana, in un periodo di grandissima difficoltà. Queste sono state le sue parole: “Durante il nostro ultimo tour, quando Brian aveva i suoi problemi di udito, con la sordità nelle orecchie, per noi in quel momento, che avevamo alcune date e spettacoli che ci eravamo impegnati a fare, era un caso di ‘Supereremo quegli spettacoli. Ma come lo facciamo?’ E Axl Rose, ci aveva detto, ci aveva recapitato un messaggio, in cui diceva che poteva aiutarci in qualche modo a portare a termine quegli impegni, se non interferiva con quello che era il suo progetto, ci avrebbe aiutato a superarlo. Quindi Axl ha partecipato aiutandoci a superare quel tour, ed è qualcosa di cui saremo sempre grati, perché ha fatto davvero un buon lavoro. Quindi tutti apprezzano che lo abbia fatto”.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.