25 January, 2021, 22:45

AC/DC, Brian Johnson: “ecco come mi sono sentito quando Axl Rose ha preso il mio posto”

Brian Johnson è tornato ad essere la voce della straordinaria band australiana degli AC/DC. Il cantautore non ha vissuto momenti facili, ma è stato in grado di superare le sue difficoltà e ritornare al proprio posto. Ecco come si è sentito quando è stato sostituito da Axl Rose, conosciuto in tutto il mondo come leader carismatico dei Guns N’ Roses. D’altronde, accettare di farsi da parte, seppur solo in maniera temporanea, non è semplice neanche per una personalità forte come quella di Johnson.

I problemi all’udito di Brian Johnson

Il 2016 era stato un anno tribolato per Brian Johnson. Gli AC/DC stavano organizzando il loro tour mondiale, ma i loro preparativi erano stati messi in difficoltà dalla salute cagionevole del loro frontman. Brian era alle prese con seri problemi all’udito che lo impedivano di lavorare. La band australiana non poteva più annullare le date prestabilite, sia per motivi economici, sia per evitare di deludere milioni di appassionati. Fu così che Angus Young scelse di sostituire Johnson con Axl Rose, il frontman dei Guns N’ Roses. Quest’ultimo ha assolto il suo compito al meglio e ha ricevuto notevoli consensi, ma non tutto è stato rose e fiori.

La difficoltà per Johnson di restare in panchina

Brian Johnson, inizialmente, non ha accettato di buon grado la scelta di restare in panchina. Lui è un vero animale da palcoscenico e la sua autostima si ciba anche della passione dei propri fan. L’artista ha parlato a più riprese della sua particolare situazione e della necessità di dover stare lontano dai riflettori per un certo periodo. “Non potevo fare proprio nulla”, così ha esordito in un’intervista rilasciata al giornalista statunitense Don Rather“È come essere colpiti sul terreno di battaglia. Ho provato un senso di solitudine e abbandono, era arrivato semplicemente il mio turno. Voglio essere onesto, quando ho saputo che avrei dovuto fermarmi ho affogato la mia disperazione in una bottiglia di whiskey, andandomene nel mio ufficio”.

La grande vicinanza degli amici di Brian Johnson

Nonostante un periodo di scoramento, Brian Johnson ha sempre avuto la piena vicinanza dei suoi carissimi amici. Sia i compagni di band, sia i suoi colleghi più amichevoli sono stati al suo fianco. “Sono amici fantastici. Ho ricevuto la prima telefonata da Joe Walsh degli Eagles, che mi ha subito chiesto come stesso. Poi mi ha chiamato Billy Connelly e molti altri mi hanno telefonato, dandomi tanto sostegno. È stato davvero meraviglioso. Le lettere ricevute dai fan mi hanno fatto stare di nuovo bene”.

La capacità di tornare sulla cresta dell’onda

Brian Johnson, oggi, vede i suoi vecchi problemi come un brutto e lontano ricordo. L’artista è tornato alla guida degli AC/DC e ha lanciato un nuovo album insieme alla sua band australiana, Power Up. Il cantautore non ha alcuna intenzione di fermarsi e continua a sfornare successi in quantità industriale, tornando rapidamente nel pieno della sua straordinaria energia. Dopo un 2020 all’insegna dello stop per quanto riguarda gli eventi live, ci si augura che il 2021 possa essere diverso anche per lui e gli altri membri del gruppo.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)