24 January, 2021, 00:35

AC/DC, Brian Johnson: “Ecco cosa pensai la prima volta che ascoltai Thunderstruck”

Brian Johnson è stato il secondo frontman degli AC/DC dopo la tragica scomparsa del primo, Bon Scott. L’artista britannico ha raccontato le sue sensazioni quando ha ascoltato per la prima volta uno dei singoli più famosi della sua band, Thunderstruck. Inoltre, ha parlato degli album principali della carriera del gruppo australiano, esprimendo i suoi pareri e ricordandoli con grande piacere.

I ricordi di Brian Johnson su Back in Black

Brian Johnson ha parlato in occasione di un’intervista diffusa da Ultimate Guitar. La sua attenzione iniziale si è rivolta verso i ricordi sulla realizzazione dell’album Back in Black, risalente al 1980. “Ricordo una delle prime canzoni che abbiamo fatto, ero seduto nel mio cunicolo e Malcolm Young e mi parlò della base di un brano, che la band avrebbe voluto chiamare You Shook Me All Night Long”, ha esordito Brian.

Johnson non nascose la sua preoccupazione a riguardo di un lavoro così elaborato: “Ero un po’ preoccupato. Il giorno dopo sono andato a prepararmi e mi sono recato dal manager Mutt Lange, che mi ha chiesto cosa avessi. Mi ero reso conto di quanto il brano fosse naturale. Malcolm si avvicinò a me, guardò Angus e Mutt e disse che sarebbe potuto essere uno dei migliori dischi rock and roll degli ultimi tempi. Ero molto felice per questo”.

L’opinione del cantante su Thunderstruck

Quindi, Brian Johnson si è concentrato su Thunderstruck. Inciso nel 1990, il singolo è stato inserito nell’album The Razors Edge e ha introdotto il complesso negli anni ’90. “Fin dall’inizio, sapevo che sarebbe stato favoloso un pezzo come Thunderstruck”, ha sentenziato Brian. “Appena ho sentito la chitarra di Angus Young, mi ero reso conto della carica in grado di trasmettere”. Un vero e proprio capolavoro fin dal primo momento.

“Quando siamo entrati tutti insieme e abbiamo urlato è stato davvero straordinario. E c’erano tanti altri momenti di carica assoluta. Quella parte centrale, il suono e tutto il resto erano promettenti fin dal primo ascolto. Aveva davvero tutto, pensando anche a tutto ciò che avevamo fatto insieme!”. Ancora oggi, la canzone viene ricordata da numerosi fan tra le più belle ed energiche degli AC/DC.

La felicità di tornare a suonare tutti insieme

A questo punto, Brian Johnson ha parlato della gioia di poter tornare a suonare insieme ai colleghi di una vita. “È stato davvero meraviglioso. Dopo quello che era successo prima, pensavo che non sarei mai più stato capace di salire sul palco con una band a causa della mia salute. La tecnologia mi ha dato una grossa mano. Angus controllò tutto e mi chiese, dopo un anno e mezzo dopo, di tornare a suonare insieme a Cliff e Phil”.

Dopo diversi anni, i membri della band avevano scelto di superare i loro problemi personali e di tornare sul palco, il loro habitat naturale. “Nel 2018 ci siamo ritrovati in uno studio di Vancouver. Era un clima elettrico, come non lo avevo mai provato prima! Abbiamo scelto di dedicare il disco Power Up al compianto Malcolm Young. Per la prima volta, abbiamo inciso un disco con il titolo dell’album che non era una canzone. Ma questo doveva essere un album speciale, perché Malcolm aveva deciso che gli AC/DC dovessero suonare come nessun altro”.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)