17 January, 2021, 06:24

AC/DC, la storia di Moneytalks

Energici ed esplosivi durante le loro esibizioni, gli AC/DC sono una band hard rock australiana, che comincia la loro carriera nel 1973 e che risulta ancora attiva. Varia la loro produzione, così come i loro successi. Il gruppo subì diversi riassetti prima di pubblicare il suo primo album nel 1975. Dopo circa tre anni, la morte di Bon Scott, voce del gruppo. Scoraggiati dalla perdita, avevano quasi pensato di non continuare più con la loro attività musicale, ma furono proprio i genitori di Bon Scott ad incoraggiarli. Fu così che dopo una serie di altre proposte fatte dalla stampa, entrò a far parte del gruppo l’ormai ricordato Brian Johnson, che fa parte della band ufficialmente nel 1980. Brian era un ottimo candidato, poiché non si presentava come un imitatore di Scott, ma aveva uno stile proprio, che piacque molto ai membri. Dieci anni dopo la sua entrata del gruppo, gli AC/DC pubblicano il loro album The Razors Edge, qui troviamo la traccia MoneyTalks.

Il successo di The Razor Edge

Dopo alcune critiche fatte agli album pubblicati prima degli anni Novanta, con questo loro dodicesimo progetto, gli AC/DC raggiungono ottime posizioni con i loro singoli e tanto favore del pubblico. The Razors Edge è stato pubblicato proprio nel 1990, inaugurando il decennio. Qui successi come “Thunderstruck” o “Are You Ready” che si classificarono rispettivamente quinto e sedicesimo nella classifica delle canzoni rock di Billboard. Segue anche Moneytalks, che raggiunse la ventitreesima posizione nella Billboard 100. L’album infine, raggiunse la top ten negli Stati Uniti.

Moneytalks, il singolo degli AC/DC

“Tailored suits, chauffeured cars
Fine hotels and big cigars
Up for grabs, up for a price
Where the red hot girls keep on dancing through the night
The claim is on you
The sights are on me
So what do you do
That’s guaranteed”

La canzone è stata scritta da Malcom e Angus Young, i due fratelli del gruppo. In verità, se il titolo è composto da una singola parola, si tratta di due parole ben distinte. Dovrebbe essere “Money Talks” che, proverbialmente, significa “i soldi parlano”. Gli AC/DC hanno quindi legato le due parole, creando una formula unica. Per promuoverla -proprio per il tema che la canzone affronta- sono state stampate delle banconote di un dollaro, nelle quali il viso di George Washington è stato sostituito da quello di Angus Young. Quello che si propone di spiegare il testo inoltre, non è tanto l’esaltazione del denaro, bensì una critica su determinate persone. Viene criticato chi esalta la sua ricchezza, chi si gode il suo lusso, chi si bea del proprio stile di vita. 

Share

Maria Geraci, 1999. Laureata in lettere moderne e studentessa magistrale di letteratura, filologia e linguistica italiana. Appassionata di rock, grunge e cantautorato. Ferrata nella stesura di articoli e aspirante scrittrice. (mariageraci9@icloud.com)