gtag('config', 'UA-102787715-1');

Aerosmith, da una palestra ad uno stadio: la storia del primo concerto della band

Nati a Boston nel 1970, gli Aerosmith hanno contribuito alla diffusione di alcuni generi come l’heavy metal e l’hard rock, scrivendo pagine importanti nella storia della musica. Certo, Joe Perry, Steven Tyler, Brad Whitford, Tom Hamilton e Joey Kramer oggi riempiono stadi ed arene, ma forse non tutti sanno che gli Aerosmith hanno suonato il loro primo concerto in… una palestra.

6 novembre 1970: il primo -vero- concerto degli Aerosmith (in una palestra)

Gli Aerosmith oggi sono tra le band più famose al mondo, hanno venduto milioni e milioni di dischi nel mondo, hanno riempito stadi su stadi e, a partire dall’anno d’esordio (1970), hanno collezionato un successo dopo l’altro. La scalata verso il successo, però, nella maggior parte dei casi non è mai facile. La band di Boston, così come tantissime altre, ha dovuto cominciare dal basso. Per l’esattezza da una palestra di una scuola.

L’intervento della madre di Joe Perry

La cosa più interessante, poi, è che fu la madre di Joe Perry (chitarrista della band e oggi anche musicista degli Hollywood Vampires insieme a Johnny Depp e Alice Cooper) ad organizzare lo show. Il primo vero concerto degli Aerosmith si tenne il 6 novembre del 1970, in una palestra di una scuola nel piccolo comune di Mendon, nel Massachusetts. Certo, magari vi sembrerà strano che una delle più grandi band al mondo abbia iniziato così, ma erano altri tempi: stiamo parlando, infatti, di un evento avvenuto praticamente 50 anni fa. Mezzo secolo fa.

Lo show di Steven Tyler e soci alla Nipmuc Regional High School

Ad organizzare l’evento, come dicevamo, ci pensò la madre di Joe Perry. La donna, che lavorava proprio nell’ambiente scolastico, aiutò suo figlio e la sua band a trovare un luogo per il primo vero spettacolo dal vivo. E -alla fine- dopo una serie di trattative da parte della madre di Joe Perry, la scelta ricadde sulla Nipmuc Regional High School.

E, nonostante si parli di un semplice show in una palestra, anche in quell’occasione gli Aerosmith fecero vedere a tutti di che pasta erano fatti. Il frontman Steven Tyler, stando alle parole dei presenti, rubò una maglietta (con il marchio della scuola) da uno spogliatoio e la indossò durante il concerto.

All’epoca nella band militava ancora il chitarrista Ray Tabano (sostituito un anno dopo da Brad Whitford) e, la ricompensa per lo show, fu di appena 50 dollari (soldi che servivano per pagare l’affitto dell’appartamento a Boston dove alloggiavano temporaneamente). Per arrotondare e coprire tutti i costi, poi, i membri degli Aerosmith si occupavano anche di piccoli lavoretti part-time: Steven Tyler, ad esempio, lavorava in una panetteria.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)