Apples and Oranges: l'ultima canzone scritta da Syd Barrett con i Pink Floyd

Apples and Oranges: l’ultima canzone scritta da Syd Barrett con i Pink Floyd

L’omaggio a Syd Barrett sul canale Youtube dei Pink Floyd

L’occasione è stata certamente offerta dall’anniversario (il dodicesimo) della morte di Syd Barrett, avvenuta il 7 luglio del 2006. I Pink Floyd hanno deciso di ricordare il loro primo e grande leader. L’omaggio a Syd Barrett sul canale Youtube dei Pink Floyd è la pubblicazione di un raro video di Apples and Oranges.

Il video, che è stato girato in un mercato della frutta in Belgio, mostra al suo interno – naturalmente – David Gilmour al posto di Syd Barrett. Ma cerchiamo di capirne di più, anche grazie alla storia del pezzo che magari non tutti conoscono.

Apples and Oranges, l’ultimo pezzo scritto da Syd Barrett con i Pink Floyd


La storia di Apples and Oranges è certamente suggestiva, al di là dell’omaggio che è stato fatto dai Pink Floyd. Si tratta del terzo singolo pubblicato dalla band britannica (nel 18 novembre del 1967); il primo, allo stesso tempo, a non entrare nella classifica britannica dei singoli. Tuttavia, Apples and Oranges è famosa per essere stato l’ultimo pezzo scritto da Syd Barrett con i Pink Floyd. Barrett di canzoni ne ha poi realizzate, anche con una interessante carriera da solista, ma lontano dalla band (nonostante alcuni aiuti da parte degli altri membri).

Lo stesso Barrett definì il pezzo «una canzone serena, e ha un che di natalizio. Parla di una ragazza che vidi camminare per strada giù in città, a Richmond». A questo brano è legato un ulteriore aneddoto: in alcuni show televisivi i Pink Floyd furono costretti a esibirsi in playback: Syd Barrett in una delle occasioni tenne le labbra chiuse durante tutta l’esibizione.

Pubblicato un raro video di Apples and Oranges

Sul canale ufficiale dei Pink Floyd (su Youtube) è dunque possibile constatare che è stato pubblicato un raro video di Apples and Oranges. Raro perchè non tutti erano a conoscenza del video, finalmente tornato in auge in occasione del dodicesimo anniversario della morte di Syd Barrett.

Il pezzo, in generale, fa parte del “The Early Years 1965-1972”. Si tratta di un cofanetto che venne pubblicato nel 2016, per dare “l’opportunità di ascoltare l’evoluzione della band e testimoniare il loro ruolo nelle rivoluzioni culturali fin dalle prime registrazioni e sessioni in studio negli anni precedenti l’uscita di “The Dark Side of the Moon”, uno degli album più venduti di tutti i tempi.”

In quell’occasione, a Nick Mason venne chiesto che cosa sarebbero stati i Pink Floyd se Barrett non avesse mai avuto problemi tali da portarlo all’allontanamento. La sua risposta fu iconica: “E’ abbastanza facile dire che avremmo continuato con queste cose inglesi pastorali, un po’ bizzarre come “The Gnome” o “Scarecrow”. Ma in realtà Syd era assolutamente strumentale in “Astronomy Domine” e “Interstellar Overdrive”. Quindi avremmo potuto continuare su questa strada.”

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.