gtag('config', 'UA-102787715-1');

Queen, quell’album che cambiò completamente il look di Freddie Mercury

I Queen sono una delle band più importanti del panorama rock musicale. Hanno saputo utilizzare tecniche particolari, mischiare vari generi e anche se c’è chi attribuisce loro un eccessivo virtuosismo o, specialmente dopo il film Bohemian Rhapsody, li taccia di essere mainstream. A prescindere dai gusti, i Queen rappresentano un momento fondamentale della storia della musica. Dopo la prematura scomparsa di Freddie Mercury, nonostante l’attività dei Queen sia continuata, ha subito un colpo durissimo non solo il gruppo, ma anche la musica in generale. Per quanto tutti i membri dei Queen fossero validi, infatti, sicuramente la band vantava uno dei frontman con la migliore presenza scenica della storia del rock (invidiata da molti) ed una voce dalla tecnica precisa e dal timbro unico. Pensiamo, ad esempio, al riferimento che ne fece Kurt Cobain che per lui nutriva una stima incondizionata, invidiando anche l’entusiasmo che aveva sul palco. Freddie Mercury ha segnato una generazione ed influenzato moltissimi artisti, sapendo conquistare il pubblico con le sue movenze ed il suo stile inconfondibile. A questo proposito, divenne fondamentale per i Queen il momento in cui apparvero i baffi di Freddie Mercury, diventati iconici. Può sembrare un cambiamento da poco, ma non è così.

La novità di The Game

Il cambiamento del look del frontman della band si vide per la prima volta proprio con l’album The Game. In tal senso, questo discorso è uno spartiacque tra due “momenti” dei Queen, non solo per lo stile nuovo di Freddie Mercury, ma anche musicalmente. In The Game infatti i Queen, dichiaratisi precedentemente molto contro sintetizzatori ed elettronica del genere nella musica, usarono proprio un sintetizzatore. L’album segna anche un nuovo interesse della band per una musica più pop. Cambiarono in generale, quindi, tutto il loro stile a partire da questo disco, non solo quello del frontman.

The Game ed il cambiamento di look di Freddie

Con il video di Save me e le copertine degli album The Game Freddie compare, quindi, in una veste totalmente nuova. Niente più piume, smalto sulle unghie, stile da donna diva, capelli lunghi… Per la prima volta, appaiono gli iconici baffi di Freddie Mercury. La reazione fu davvero incredibile, moltissime fan rimasero deluse, in quanto vedevano in quello stile un fascino inimitabile. Tuttavia, come ben sappiamo, successivamente tutti si abituarono a questo cambiamento e quando ancora oggi dobbiamo riferirci a Freddie Mercury, pensiamo subito ai suoi baffi. Quello che pochi sanno è che tale cambiamento venne fatto senza il “permesso” degli altri membri, che però non la presero male. È vero che un cambio d’immagine seppur personale avrebbe comunque influenzato anche tutta la band, visto che l’aspetto diciamolo vuole la sua parte specie nel mondo dello spettacolo. Tuttavia i Queen non erano di certo tipi da crearsi problemi per queste cose.

Share

Laureata in Lettere moderne ed in Filologia moderna. Siciliana doc, docente, copywriter. Ha pubblicato un saggio dal titolo "Dietro lo specchio, Oscar Wilde e l'estetica del quotidiano" e scrive per diversi siti di divulgazione culturale. Ama la letteratura, il cinema, il teatro, l'arte e naturalmente la musica (ha studiato teatro musical per quattro anni), in particolare il rock, il symphonic metal, il cantautorato italiano e i musical.