gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles, cosa fece Ringo Starr quando scoprì la morte di John Lennon?

Vediamo il momento straziante in cui Ringo Starr scoprì che John Lennon era stato ucciso da Mark Chapman. Ringo Starr, riflettendo sulla sua carriera, ha ricordato il suo ex compagno di band dei Beatles John Lennon e il momento in cui scoprì che era morto. Recuperiamo le tappe di quel giorno. Verso le 17:00 dell’8 dicembre 1980, Lennon firmò una copia del suo album Double Fantasy per il fan Mark David Chapman fuori dalla sua casa di Manhattan. In quel momento l’autore di Imagine si stava dirigendo verso lo studio di registrazione. Più tardi quel giorno, dopo essere tornato a casa dalla sessione alle 22:50, Chapman sparò a Lennon quattro volte dietro a distanza ravvicinata. Cosa fece Ringo Starr quando scoprì la morte di John Lennon?

La morte di John Lennon e la risposta di Yoko Ono

L’iconico musicista fu poi pronunciato al Roosevelt Hospital solo dieci minuti dopo. Il giorno successivo, con il mondo in stato di shock, Ono ha rilasciato una dichiarazione, dicendo: “Non ci sarà alcun funerale per John. John ha amato e pregato per la razza umana. Per favore, fate lo stesso per lui.” In quel momento, a miglia di distanza alle Bahamas, uno dei più vecchi e cari amici di Lennon, Ringo Starr, aveva appena scoperto la notizia dopo che uno dei suoi figliastri gli aveva telefonato per dargli notizia. Cosa fece Ringo Starr quando scoprì la morte di John Lennon.

La dichiarazione di Ringo Starr

Ringo Starr disse: “Quando John è morto, ero alle Bahamas. Ho ricevuto una telefonata dai miei figli a Los Angeles dicendo: “È successo qualcosa a John”. E poi chiamarono e dissero: “John è morto”. E non sapevo cosa fare. E ho capito che c’era un qualche bastardo che gli aveva sparato. Ma ho appena detto: “Dobbiamo prendere un aereo”. Abbiamo un aereo per New York e non sai cosa puoi fare. Siamo andati all’appartamento. “C’è qualcosa che possiamo fare?” E Yoko ha appena detto: “Beh, giochi con Sean. Tieni Sean occupato”. Ed è quello che abbiamo fatto.”

La traccia segreta per Ringo Starr

Ringo ammise che poi trovò un pezzo segreto di John Lennon. Ringo ammise: “La cosa interessante è che questo ragazzo, Jack Douglas, il produttore, mi aveva portato questa traccia di John “Grow Old With Me”, dalle demo di Lennon del 1980 “Bermuda Tapes”. Non l’avevo mai sentito. Quindi è ancora nella mia vita. E così è nel nuovo album. Ma il motivo per cui mi ha dato questo CD è [perché] all’inizio, John mi aveva detto: “Oh, sarebbe fantastico per Richard Starkey. Quello ero io. Sto bene ogni volta che ci penso “Ehi, Ringo, sarebbe fantastico per te”.

La conclusione del dolore

Ringo concluse l’intervista dicendo: “Sono emozionato ora pensando a lui 40 anni dopo, parlando di me sul suo nastro e pensando a me. Tutti e quattro eravamo grandi amici con un paio di problemi. Ed era lontano da me. Quindi, comunque, non sapevo come comportarmi. E poi sono tornato a Los Angeles, e mi sono rattristato, e poi, naturalmente, ho affrontato il dolore.” Immaginiamo che lui sia stato molto male.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.