gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles: Ecco perché John Lennon lasciò il gruppo

I Beatles sono una delle Band più iconiche di tutti i tempi. Il loro apporto sulla comunità musicale moderna è inimmaginabile. Il leggendario quartetto di Liverpool scrisse alcune pagine fondamentali per la storia del Rock, contribuendo a gettare le basi del fenomeno stratosferico che il genere sarebbe diventato nel corso degli anni. La leggenda dei Beatles affonda le radici in un sound fresco e, a suo modo, innovativo; seppur relativamente immaturo. La prima parte dell’opera dei Beatles, infatti, per quanto brillante, si basava su asserti musicali semplici e strutture liriche di base, trattanti tematiche leggere.

Fu nella seconda parte della loro carriera che, i mitici Fab Four, diedero una svolta alla loro discografia già di per sé unica. I membri dei Beatles, infatti, subirono un processo di crescita che elevò ulteriormente la loro identità artistica. Questo portò la band ad un cambiamento radicale del proprio stile che, pur preservando le formidabili caratteristiche capaci di rendere ogni loro brano una hit, rese le loro canzoni manifestazioni sperimentalistiche di puro estro; adornate da una caratura lirica a dir poco straordinaria.

Purtroppo, però, l’idillio dei Beatles raggiunse fin troppo presto il suo culmine. L’iconico Quartetto di Liverpool soccombé agli screzi sorti dagli atteggiamenti di prevaricazione dispotica assunti dalle due colonne portanti della band, John Lennon e Paul McCartney. Il primo, in particolare, raggiunse un punto di rottura tale da portarlo ad uscire dal gruppo. In quest’articolo, scopriremo i veri motivi per i quali John Lennon lasciò i Beatles.

Perché John Lennon lasciò i Beatles?

Lo scioglimento dei Beatles fu uno dei più traumatici della storia. Quando i membri del quartetto di Liverpool si divisero, milioni di persone sapevano perfettamente che il volto dell’industria musicale ne sarebbe uscito terribilmente sfigurato. I Beatles divennero in pochissimo tempo il fenomeno di costume che, ancora oggi, rappresentano. Parliamo di un’icona culturale evocativa come poche altre. Quando si seppe degli screzi interni al gruppo e del loro intensificarsi costante, quindi, le notizie fecero il giro del mondo, spingendo i Beatles in un turbine mediatico che, ancora oggi, è fonte di accesi dibattiti tra appassionati ed addetti ai lavori.

Non esiste un motivo concreto per cui John Lennon lasciò i Beatles; la sua scelta fu,piuttosto, il frutto di una serie di fattori che influenzarono una decisione, già di per sé, molto ardua. In molti, infatti, credono che l’artista avesse intenzione di allontanarsi dai Fab Four già in tempi non sospetti. Gli ultimi anni dei Beatles, comunque, furono particolarmente travagliati; alimentando la rabbia, l’astio e, soprattutto, la sicurezza di John Lennon nelle sue scelte. Collaborare con Eric Clapton e Yoko Ono permise al leggendario artista di comprendere a pieno il suo potenziale e quello degli altri musicisti. Il motivo per cui John Lennon lasciò i Beatles, quindi, va ricercato nella sua esigenza di spingersi oltre i suoi limiti, esplorando il suo spettro artistico più puro e concedendosi a slanci visionari di particolare prestigio.

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal.