gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles, la storia del Beatles perduto che mandò John Lennon in depressione

Molto prima che Yoko Ono manifestasse la sua presenza definita “ingombrante” nello studio dei Fab Four, un’altra donna avrebbe potuto essere ritenuta responsabile dai fan del territorio per aver rotto i BeatlesAstrid Kircherr era una fotografa tedesca che i Beatles incontrarono ad Amburgo quando si recarono lì nei primi anni Sessanta per esibirsi in qualche locale per cercare di farsi un nome. Pare che Astrid fu colei che creò di fatto lo stile dei Beatles e lei ha sempre accusato la band di non averla mai riconosciuta, anzi. Ma quale è la verità? Vediamo la storia che mandò John Lennon in depressione.

La relazione tra la designer e il Beatle perduto

Astrid Kircherr aveva scattato delle foto che sono diventate iconiche e pare che fosse lei a incoraggiare il gruppo a tagliarsi i capelli come quelli del suo fidanzato Klaus Voormann. Al tempo, ci fu anche un altro membro della band che ha accusato i Beatles di averlo dimenticato. Si tratta del migliore amico di John Lennon, Stuart Sutcliffe, soprannominato “The Lost Beatle“. Al tempo, era il bassista, insieme a John, Paul, George e al batterista originale Pete Best. Astrid Kirkchnerr fece amicizia con Stuart Sutcliffe e Astrid si innamorò di lui. Stuart, allora bassista dei Fab Four, decise di rimanere ad Amburgo per amore e di non andare avanti con la band.

John Lennon era geloso di Astrid Kircherr?

A quanto pare, la storia d’amore di Astrid e Stuart fu interrotta tragicamente solo due anni dopo quando Stuart morì di un’emorragia cerebrale improvvisa all’età di 21 anni. John Lennon fu molto triste per questo e confessò il suo dolore ad Astrid. Ma ecco qui la sorpresa. Alcuni tabloid notarono con una certa sicurezza una relazione veramente strana tra Astrid, Stuart e John Lennon. Dopo la morte dell’amico di Lennon, il chitarrista dei Beatles ammise alla designer di essere geloso di lei. Lennon, a quanto sembra, era innamorato del suo migliore amico, ma non voleva esporsi e non fu così felice quando Stuart si mise insieme ad Astrid. Questa storia, di fatto, mandò John Lennon in depressione, assumendo un sacco di pillole per lenire il dolore.

L’intervista ad Astrid Kircherr

Proprio Astrid disse in una vecchia intervista: “Penso che pensasse che intendesse come amico, non credo che ci fosse alcun suggerimento che avessero in una relazione. Ma Stuart era sempre stato il migliore amico di John, condividevano un appartamento a Liverpool. John avrebbe definito Stuart come “Gesù Cristo a Giovanni Battista”, nel senso che Stuart gli stava mostrando la strada. Sembrava che John non volesse che Stuart gli fosse tolto, non voleva che Stuart rimanesse ad Amburgo.” Fu solo dopo la morte dell’amico Stuart che John Lennon rivelò il suo lato più debole.

Il taglio “alla Beatles”

Astrid gli disse: “Avevo paura di piangere o mostrare emozioni quando John era lì, ma ad un certo punto gli dissi: “Dai, piangi, piangeremo insieme”. Il dolore che entrambi abbiamo avuto per la morte di Stuart ha dato alla nostra relazione un enorme tipo di libertà, all’improvviso ci siamo sentiti come se ci conoscessimo da anni.” Ma la sua strana relazione con Stuart alterò anche la formazione originale degli allora Fab Five (e non Fab Four). Pensate che il primo ad avere i capelli alla Beatles fu proprio Stuart e il successivo doveva essere George Harrison, al tempo ancora minorenne ad Amburgo.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.