gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles, Paul McCartney: “Ecco qual è il musicista che mi ha sempre lasciato senza parole”

Nel pensare ad una figura come quella di Paul McCartney, molto spesso si pensa delle personalità musicali e a degli artisti che in qualche modo sembrano non essere nervosi di fronte ad una realtà come quella della musica, delle discografia e non solo. Parliamo, non a caso, di artisti che hanno ottenuto un così tanto grande successo da ergersi a personalità di certo livello, che non hanno timore e riverenza a mostrarsi in un certo modo nel mondo del rock. Eppure, prendendo proprio in considerazione Paul McCartney e le sue dichiarazioni, non è esattamente così, dal momento che il leader dei Beatles ha dichiarato di essere piuttosto nervoso di fronte ad un artista che l’ha sempre lasciato senza parole. Parliamo di Bob Dylan e di quello che è il suo effetto su col McCartney.

Le dichiarazioni di Paul McCartney su Bob Dylan

Nel parlare dell’artista che ancora oggi lo lascia senza parole e con un naturale timore, accompagnato a quella naturale riverenza, che ancora il leader dei Beatles prova, Paul McCartney ha avuto modo di chiarire qual è l’effetto che Bob Dylan ha su di lui. In recenti pubblicazioni vi abbiamo parlato di quello che è stato l’incontro tra John Lennon e Bob Dylan, piuttosto particolare e segnato dalla presenza di un filmato reperibile sulle più importanti piattaforme che permettono la visione di contenuti multimediali.

Paul McCartney, parlando di Bob Dylan, ha dichiarato che si tratta di un artista per cui proverebbe fatica ad intervistare, data la sua grande complessità e quel naturale timore che prova nei confronti della sua persona: “Se dovessi intervistare qualcuno di famoso domani, sarebbe come a pensarci tutta la notte e tutta la mattina: ‘oh mio Dio, cosa farò? E immagino che sia quello che stanno passando e normalmente si vede questo po’ di paura negli occhi di chi trema. Quindi mi piace mettere la gente a proprio agio e dire: ‘Guarda, non importa [chiamarmi Sir Paul], sono solo un ragazzo qualunque’. Sì, ci sono una o due persone per le quali sarei nervoso. Bob Dylan mi farebbe davvero un po’ pensare: ‘oh mio Dio, cosa dirò… andrà tutto bene, andrà tutto bene'”.

Le dichiarazioni di Bob Dylan su Paul McCartney

Se Paul McCartney sarebbe nervoso nel parlare con Bob Dylan, non si può certo dire che ciò non accada neanche a parti invertite. Vi citiamo le dichiarazioni di Bob Dylan a riguardo: “Erano dei cantanti fantastici. Lennon, tutt’oggi… è difficile trovare un cantante migliore di quanto lo fosse Lennon, o di quanto lo fosse e lo sia ancora McCartney. Voglio dire, sono in soggezione per McCartney. Lui è l’unico di cui ho soggezione. Ma sono in soggezione nei suoi confronti. Lui può fare tutto e non ha mai mollato, sapete. Ha il dono della melodia, ha il ritmo. Sa suonare qualsiasi strumento. Sa urlare e gridare bene come chiunque altro e sa cantare ballate bene come chiunque altro, lo sai… E le sue melodie sono, sai, senza sforzo. Questo è quello per cui sarei in soggezione… Sono in soggezione per lui forse solo perché è così dannatamente disinvolto. Voglio dire, vorrei solo che smettesse, sai. Tutto e tutto quello che esce dalla sua bocca è incorniciato da una melodia, sai…”.

Share

Studente e amante del rock 'n' roll in tutte le sue definizioni. Esperto articolista specializzato in diverse testate di attualità e news. Abile nello spaziare - nell'ambito del rock - tra notizie di attualità, curiosità e aneddoti (riguardanti band, artisti, album o singole canzoni) fino a classifiche di vario genere.