gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles, quella volta che il gruppo per un solo concerto venne pagato oltre…

I Beatles li conoscete? Sicuramente sì, dubitiamo che qualcuno non li conosca. E sapete che sono stati per meno di 10 anni la band più importanti del mondo, pagati e stra pagati, trattati come vere star. Quando si vedono filmati dei Beatles al culmine della loro fama, potrebbe sembrare divertente. Dopotutto, hanno avuto l’adorazione costante e incrollabile dei fan in tutto il mondo. Non c’era davvero nulla che potessero che i loro fanatici non avrebbero applaudito (o salutato con lacrime di gioia). Pensate che una volta il gruppo per un solo concerto venne pagato moltissimo. Vi spieghiamo la storia.

I Beatles pagati una cifra pazzesca

Non si poteva uscire di casa senza essere assaltato da fan, non ci si poteva divertire e neppure riposare. I Beatles erano vere celebrità. Come disse George Harrison in Anthology, “L’unico posto in cui abbiamo mai avuto pace è stato quando siamo entrati nella suite dell’hotel e ci siamo chiusi in bagno”. Pensate che il gruppo per un solo concerto venne pagato oltre 50mila dollari. Possono non sembrarvi tantissimo adesso, una cifra relativamente normale, ma al tempo era tantissimo. In base al cambio, quei soldi sarebbero oggi oltre 1 milione di dollari. Mica male, no?

Il successo dei Beatles e i primi rifiuti

Questo ti dà un’idea della vita dei Fab Four alla fine del 1964, mentre si facevano strada negli Stati Uniti come parte del loro primo tour in Nord America. Il gruppo fece moltissime date in 24 città diverse per 33 giorni. E i loro pochi “giorni liberi” di solito li passavano in viaggio, addormentati in aereo o nel camper. Quando il manager dei Beatles Brian Epstein ricevette un’offerta per la band di suonare a Kansas City per 50.000 dollari in uno dei giorni liberi del gruppo. All’inizio non ci fu alcuna risposta positiva. Pare che i guadagni della band avessero raggiunto un picco di 40.000 dollari per un solo spettacolo nel ‘64. E aveva rifiutato altre offerte.

La proposta finale

Charles Finley aveva il desiderio di portare nel suo club di Kansas City nel ’64 i Beatles. E ha iniziato a fare altre proposte a Epstein. Secondo le fonti, raddoppiò la cifra iniziale fino ad arrivare a $ 100.000. Anche qui ricevette un rifiuto, il manager dei Fab Four era preoccupato della salute del gruppo. Alla fine Finley offrì la folle somma di 150.000 dollari (1,24 milioni di dollari oggi), Epstein fu costretto ad accettare. Dopo essersi consultato con la band, tutto andò per il meglio. Ma non ci sarebbe stato alcun materiale aggiuntivo, le canzoni sarebbero state quelle.

Un concerto indebitato

Pensate che John Lennon voleva aggiungere altre canzoni allo show. Ma Finley rifiutò, non si sa perché. Il problema è che si era indebitato moltissimo e fu costretto a far pagare i biglietti a cifre enormi per il concerto che lui aveva organizzato. Vi rapportiamo tutti i prezzi a oggi e considerate che al tempo erano prezzi davvero folli. I biglietti andavano dai 54 dollari ai 70 e pochi potevano permetterselo. Il concerto fu un mezzo flop, metà dei posti erano vuoti e i Fab Four conclusero il loro show in appena 32 minuti.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.