gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles: Spotify ha pubblicato delle curiose statistiche per celebrare l’uscita di Abbey Road

In occasione del cinquantesimo compleanno di Abbey Road, uno degli album più apprezzati e conosciuti dei Beatles, non potevano mancare gli auguri di alcuni servizi in streaming come Spotify e Deezer. Le due piattaforme, infatti, hanno pensato ad un “regalo” ad hoc per la band di Liverpool.

Le statistiche riguardanti i Fab Four pubblicate da Spotify

Abbey Road, pubblicato il 26 settembre del 1969 dalla Apple Records, è l’album di Come Together, Here Comes The Sun e Something. Insomma, più che un disco è una pietra miliare del rock.

Spotify, in occasione del cinquantesimo compleanno dell’album, ha condiviso con gli utenti alcune curiose statistiche riguardanti i Fab Four. Solo in questo anno solare, la musica dei Beatles è stata riprodotta circa 1,7 milioni di volte! Sono davvero numeri incredibili, soprattutto considerando il fatto che l’apice del successo della band è arrivato a cavallo tra gli anni sessanta e settanta.

La piattaforma svedese ha specificato, inoltre, che la fascia demografica maggiormente interessata all’ascolto è quella che va dai 18 ai 24 anni: rappresentando così più del 30 per cento di tutti i flussi di streaming a livello mondiale. Secondo questa ricerca, quindi, i millennials apprezzano moltissimo la musica dei Fab Four.

Non è un caso infatti che i Beatles occupino la 93esima posizione tra gli artisti più popolari su Spotify, grazie ai loro 20,7 milioni di ascoltatori mensili.

I Beatles conquistano le classifiche e i cuori dei più giovani

Anche Deezer, altro servizio musicale in streaming, ha reso pubblici alcuni dati demografici riguardanti i Beatles. E così si scopre che: il 27% degli ascoltatori ha età inferiore a 25 anni, mentre il 68% dei flussi proviene dagli under 45. Un altro dato interessante emerso dalla statistica è che circa il 75% degli ascoltatori sono uomini.

Insomma, i 4 ragazzi di Liverpool conquistano le classifiche e i cuori dei più giovani: proprio come accadeva nei loro anni d’oro. In pratica è come se il tempo non fosse mai passato.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)