gtag('config', 'UA-102787715-1');

Beatles, uscirà una nuova versione del film “Yellow Submarine” dopo il Coronavirus!

I Beatles manderanno online una nuova versione del film “Yellow Submarine“. La versione completa era arrivata nei cinema nel 2018 ma non era mai stata disponibile online prima d’ora. I Beatles rimasti, ovvero il batterista Ringo Starr e il bassista Paul McCartney, pubblicheranno online la versione intera, compresa la già uscita colonna sonora, del loro film Yellow Submarine animato. Attenzione, perché sarà disponibile solamente per un giorno e volete sapere quale sarà? Rimanete qui per saperlo.

L’ennesimo anniversario

La prima versione del film “Yellow Submarine” era stata realizzata originalmente nel 1968 e dopo varie distribuzioni nel corso degli anni, era stata distribuita nei cinema nel 2018 per celebrare il suo 50° anniversario. La band ha deciso di organizzare una nuova premiere e sarà la prima volta che questo particolare film sarà presente online, nella sua versione integrale. I fan potranno recarsi sul canale YouTube ufficiale dei Beatles alle 9:00 inglesi di sabato 25 aprile per vedere insieme il film e cantare i grandi successi della pellicola. Per chi non lo sapesse, il film include i successi dei Beatles “Eleanor Rigby“, “When I’m Sixty-Four” , “Lucy in the Sky With Diamonds“, “All You Need Is Love” e altro ancora.

Il documentario “Yellow Submarine”

I testi appariranno nella parte inferiore dello schermo in modo che tutto il mondo possa cantare insieme durante il blocco del Coronavirus. Yellow Submarine è stato il quarto film dei Beatles, dopo A Hard Day’S Night, Help! e Magical Mystery Tour. A differenza dei tre film precedenti, i Beatles ebbero ben poco coinvolgimento nel film oltre a fornire le canzoni. Non hanno nemmeno dato voce ai propri personaggi. La colonna sonora, tuttavia, presenta classici come “All You Need Is Love”, “Hey Bulldog” e, naturalmente, la traccia omonima.

Il prossimo documentario

C’è un evento del film sui Beatles ancora più grande che arriverà più avanti nel corso dell’anno, ovvero quando uscirà il tanto atteso documentario di Peter Jackson The Beatles: Get Back. Il film è costruito attorno a oltre 50 ore di riprese dalle sessioni di Let It Be. Alcuni pezzi sono apparsi nel documentario originale Let It Be del 1970, ma la stragrande maggioranza non è mai stata vista da nessuna parte. “In un certo senso ho accettato l’idea che io e John eravamo rivali e non ci piacevamo e cose del genere”, ha recentemente dichiarato Paul McCartney “Ma vedi il film e non è così. Ovviamente ci stiamo divertendo insieme. Puoi vedere che ci rispettiamo a vicenda e stiamo facendo musica insieme, ed è una gioia vederlo“.

I concerti di beneficenza

L’evento è l’ultimo di una serie di nuovi live streaming e concerti virtuali su Internet, mentre il mondo sta cercando da solo di far fronte al coronavirus. Lo scorso fine settimana, Lady Gaga ha ospitato la raccolta fondi One World: Together At Home, che ha visto esibizioni di artisti del calibro di Paul McCartney, i Rolling Stones, Billie Eilish, Taylor Swift, Zucchero e Stevie Wonder. Ha raccolto quasi 128 milioni di dollari per il Fondo di solidarietà COVID-19. Poi l’attrice Kiera Knightley aveva, nel frattempo, preso parte a un evento live streaming per la Giornata mondiale della salute e ha condiviso un’insolita cover di Yesterday dei Beatles, suonando i denti.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.