gtag('config', 'UA-102787715-1');

Billie Eilish ha spiegato le origini del brano Bad Guy

Billie Eilish Pirate Baird O’Connel, nota semplicemente come Billie Eilish, è stata etichettata sin da subito come ‘astro nascente’ della musica. Il 29 marzo 2019, a conferma delle enormi aspettative, ha fatto il suo esordio sul mercato discografico il suo primo album: “When we all fall asleep, where do we go?”. Il successo, come da previsione, è stato immediato ed enorme.

Le origini del brano Bad Guy

La quarta traccia del disco, Bad Guy, ha riscosso un successo clamoroso. Billie Eilish, un po’ Rihanna un po’ Harley Quinn, in una recente intervista per Rolling Stone ha spiegato le origini del brano:
“Per quanto riguarda Bad Guy posso dire di essere stata influenzata da due canzoni di due rapper americani. La prima è ‘Never’ di J.I.D. e la seconda è ‘Stuck In The Mud’ di Isaiah Rashad (in questo brano poi il cantante si ferma per circa 5 secondi per poi ricominciare con una nuova canzone più breve. L’ho trovato molto interessante.)”

Il successo agli American Music Award 2019

La giovane musicista americana si è aggiudicata ben due premi agli American Music Awards 2019: rivelazione dell’anno e artista rock alternative.

“Wow, è davvero emozionante tutto questo. Grazie a tutti i miei sostenitori e ai fan: senza di voi tutto ciò non sarebbe possibile.“ Ha spiegato Billie Eilish, aggiungendo: “Non riesco a credere di essere qui. Sono cresciuta guardando e ascoltando voi, voi tutti in questa stanza. E il fatto che ora siate voi a guardare me in questo momento è davvero pazzesco!”

All’evento, tenutosi nel Microsoft Theater di Los Angeles, Eilish ha decisamente battuto la concorrenza, formata da Taylor Swift, Kesha, Chritina Aguilera, Lizzo e Halsey. Nella categoria “rock alternative” ha invece gareggiato con gli Imagine Dragons e i Panic! At the Disco: “Anche semplicemente essere stata nominata per me è stata una vittoria. –ha dichiarato la cantante statunitense- Voglio ringraziare gli AMA per aver creduto in me e il mio team per avermi sempre supportato. E un ringraziamento speciale va anche a mio fratello, che è un po’ come il mio migliore amico. Vi amo. Grazie di tutto.”

Billie Eilish: woman of the year

La musicista, come se non fosse abbastanza, è stata anche nominata “Woman of the year” dalla rivista statunitense Billboard. L’evento annuale organizzato dalla rivista Billboard e rinominato “woman in music”, premia le donne che hanno dato un sostegno significativo all’industria della musica. Il premio “donna dell’anno” di questo 2019 sarà conferito proprio a lei: Billie Eilish.

Il direttore editoriale Hannah Karp, parlando della giovane cantante, ha spiegato: “Ha letteralmente sconvolto l’industria della musica, lasciando un’impronta indelebile nella storia dell’intrattenimento. La sua capacità di affrontare i temi della generazione Z ha rassicurato i giovani adolescenti, facendoli sentire più accettati nella società odierna.” L’eccentrica cantante sarà la più giovane donna a ricevere questo prestigioso premio e la premiazione si terrà il 12 dicembre all’Hollywood Palladium di Los Angeles.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)