gtag('config', 'UA-102787715-1');

Bohemian Rhapsody, secondo una nuova teoria la canzone dei Queen è dedicata a…

Bohemian Rhapsody – traccia estratta dall’album A Night at the Opera – ha sempre rappresentato un grande rompicapo per i fan dei Queen. Oltre ad un indiscutibile e travolgente successo infatti, molti ne hanno riconosciuto un significato difficile da spiegare. Tanto più lo stesso Freddie Mercury non illustrò mai del tutto il senso nascosto dietro alle parole del testo. Ora, un’altra teoria presente sull’argomento, leggerebbe in Bohemian Rhapsody un tributo alla storia d’amore con Mary Austin.

QUEEN, LA STORIA D’AMORE TRA FREDDIE MERCURY E MARY AUSTIN

Freddie Mercury e Mary Austin si incontrano la prima volta quando lei ha solo 19 anni – nella boutique di Londra nella quale lavora. Si dice che Brian May – amico di lunga data del cantante – stesse frequentando Mary, ma Freddie gli chiede il permesso di uscirci per un appuntamento. In breve tempo, i due diventano inseparabili. Anche quando il cantante dei Queen le confida il proprio orientamento sessuale.

Mary Austin è, a conti fatti, il grande amore della vita di Freddie Mercury. E la donna più importante della sua vita. E’ a lei che il frontman dei Queen lascia la maggior parte dei propri beni e anche il tuo ultimo, più grande segreto, sul letto di morte. Ovvero il luogo nel quale seppellire i propri resti.

QUEEN, IL VERO SIGNIFICATO DI BOHEMIAN RHAPSODY

Dopo l’uscita nelle sale del biopic musicale Bohemian Rhapsody – una nuova teoria è emersa in rete, riguardo al vero significato del brano omonimo. L’autrice è Sheila Whiteley la cui interpretazione, presente nel libro Queering the Popular Pitch, è emersa solo dopo l’uscita del film sui Queen.

Secondo la donna, la parola Mama – ripetuta nel testo di Bohemian Rhapsody – si riferirebbe appunto a Mary Austin, durante il periodo nel quale Freddie Mercury stava scendendo a patti con la propria vita e la propria sessualità.

BOHEMIAN RHAPSODY, LA TEORIA SECONDO LA QUALE SAREBBE DEDICATA A MARY AUSTIN

Per Sheila Whiteley – autrice del libro Queering the Popular Pitch – nel verso “Mamma mia let me go”, il cantante di Queen si starebbe in realtà appellando a Mary Austin, pregandola di interrompere la loro relazione. “Distruggerebbe tutto il mistero se spiegassi sempre tutto di me stesso. – aveva confessato Freddie stesso – di parlarne veramente e entrare in tutti i minimi dettagli […] Forse ho una visione sessuale più ampia rispetto a quella di molte persone”.

La nuova interpretazione di Bohemian Rhapsody, fornita dalla Whiteley, è giustificata anche dal fatto che Freddie e Mary condivideranno un legame forte e duraturo fino alla morte del cantante. Anche dopo la confessione sulla propria sessualità, Mary rimase al suo fianco – come la sua più grande confidente e la donna più importante della sua vita. “Sebbene il nostro rapporto sia finito in lacrime – avrà a dire Freddie Mercury dopo la conclusione della loro storia d’amore – il nostro rapporto è diventato più forte, ed è qualcosa che nessuno ci porterà mai via”.

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.