25 February, 2021, 07:22

Bon Scott, le sue canzoni perdute pubblicate dopo 50 anni

Sono state finalmente pubblicate le canzoni degli anni ’70 incise da Bon Scott. I brani del primo frontman degli AC/DC sono rimaste in un cassetto per oltre mezzo secolo. È giunta l’ora di ascoltare queste canzoni, realizzate insieme alla band rock australiana dei Fraternity.

La musica inedita di Bon Scott è stata così inserita in un nuovo pacchetto, con il beneplacito degli altri membri dei Fraternity. Questa band si è formata nel 1970 e ha registrato due album in studio, LivestockFlaming Galah. Tuttavia, la loro epopea durò solo per tre anni, quando Bon decise di andarsene dal gruppo e abbracciare il progetto dei fratelli Young.

Ecco cosa dice a riguardo l’etichetta discografica Cherry Red Records“Nessuno dei due album dei Fraternity era stato ufficialmente pubblicato. Il percorso di Scott con la band è stato scarsamente documentato e la loro storia non ha avuto alcun racconto. Sotto l’aspetto puramente musicale, i Fraternity avevano la loro base musicale nell’Australia meridionale, ad Aldgate. Sapevano mescolare numerosi stili molto in voga negli anni ’70, tra i quali il proto-heavy metal, il country rock e il soft rock, senza dimenticare la musica progressiva e il boom psichedelico”.

Il gruppo guidato da Bon Scott, dunque, era molto abile nella sperimentazione di più generi ben mescolati. La sua storia viene così raccontata nella compilation Seasons of Change: The Complete Recordings 1970-1974. Il lavoro discografico comprende numerosi brani provenienti da diversi EP, registrazioni dal vivo, singoli non inseriti in alcun album. Il disco viene accompagnato da un insieme di foto inedite proposte dalla band australiana.

Share

Giornalista pubblicista, blogger, articolista e copywriter, talvolta anche guardia giurata, diplomato al Liceo Linguistico. Appassionato di scrittura, sport, tecnologia e soprattutto musica. Rock'n'Roll prima di tutto, ma spazio tra vari generi e mi piace raccontarli a modo mio. (raffaele-sarnataro@libero.it)