gtag('config', 'UA-102787715-1');

Bono Vox: “ecco qual è la più grande canzone degli U2”

Gli U2, storica rock band formatasi a Dublino nel 1976, hanno scritto pagine indelebili nella storia della musica. Il contributo del gruppo capitanato da Bono Vox è stato, negli anni, fondamentale. Alcuni brani come With or Without You, I Still Haven’t Found What I’m Looking For, Vertigo, Sunday Bloody Sunday e One sono veramente immortali.

L’opinione di Bono Vox sulla musica attuale

Recentemente Bono Vox, al secolo Paul David Hewson, ha espresso la sua opinione circa lo stato attuale della musica, indicando anche quale canzone degli U2 è quella che preferisce di più. Il cantante e attivista irlandese, in una recente intervista per Rolling Stone, ha raccontato: “Oggi la musica è diventata molto femminile, questa è una cosa molto positiva. Avete presente Björk? Ecco lei è davvero fantastica, una delle mie voci femminile preferite.”

Bono poi, parlando del rock and roll e delle classifiche attuali, ha spiegato il suo punto di vista. Secondo il frontman degli U2 c’è una carenza di rabbia nella musica di oggi: “Alla fine cos’è il rock and roll? È pura rabbia, no? Ecco io oggi questa rabbia non la vedo tanto, forse solo il genere dell’hip-hop ha preservato ancora questa ‘cattiveria’. Quando ero un ragazzino avevo molta rabbia in me, ed è una cosa che ti cambia. Gli Who sotto questo punto di vista erano dei grandi, ma anche i Pearl Jam. Eddie Vedder! Lui si che ha quella rabbia di cui stiamo parlando.”

Bono: “Stay (Faraway, So Close!) è la più grande canzone degli U2”

Bono Vox, infine, ha indicato qual è secondo lui la più grande canzone degli U2: “Si tratta di Stay (Faraway, So Close!), probabilmente una delle canzoni più sottovalutate del repertorio della band. La melodia è fantastica ed il testo è davvero sofisticato.”

Il brano Stay (Faraway, So Close!), estratto dall’ottavo album della band “Zooropa”, è stato pubblicato il 22 novembre del 1993. La canzone si ispira alla musica di Frank Sinatra, non a caso il titolo inizialmente doveva essere proprio “Sinatra”.

Share

Simone Esposito: studente e amante della musica in tutte le sue sfumature. Articolista esperto e aspirante critico musicale. Appassionato di cinema, letteratura e arte (in tutte le sue forme). (es.simone@libero.it)