Brian May: “Bohemian Rhapsody ci ha donato una nuova fama ma ci ha reso la vita difficile…”

Bohemian Rhapsody, il celebre biopic vincitore dell’Oscar 2019 al miglior attore protagonista dato a Rami Malek per Freddie Mercury, ha dato nuova vita ai Queen. Ma non solo a loro, anche all’attuale frontman dei Queen Adam Lambert. Inutile dire che il pubblico dei Queen è notevolmente aumentato a seguito del grandissimo successo del film, il quale si è affermato come il biopic musicale più redditizio e di successo della storia del cinema. Altri biopic avevano raggiunti ottimi successi, come Rocketman su Elton John (inspiegabilmente assente dagli Oscar 2020), oppure I Walk The Line, dedicato a Johnny Cash. Il film e tutto il contorno è stato, a detta dei Queen, molto difficile da realizzare. Perché?

L’ACCOGLIENZA COREANA PER I QUEEN

In questo periodo di gennaio 2020 i Queen e Adam Lambert sono in Corea del Sud, nella capitale di Seoul, per continuare il loro tour denominato semplicemente Rhapsody. Durante l’atterraggio all’aeroporto coreano, il chitarrista Brian May e il batterista Roger Taylor sono stati sorpresi di venire accerchiati da tantissimi giovani fan che urlavano con gioia. Per loro questa sensazione era mancante da tantissimo tempo, ma si sa che il pubblico orientale sa essere davvero molto dolce e accogliente con i rocker britannici. Nella conferenza stampa con Lambert prima degli show, i due hanno sottolineato il successo del film Bohemian Rhapsody proprio in Corea del Sud.

LE DICHIARAZIONI DI BRIAN MAY E ROGER TAYLOR

May ha dichiarato: “La notizia ci è arrivata, cioè che Bohemian Rhapsody è stato un enorme successo in questo paese, il che è meraviglioso. E come ha detto Roger, ci ha sicuramente portato una nuova generazione, il che è molto eccitante. È una sensazione meravigliosa che il film ha generato. Lo sentiamo, sentiamo che le cose sono cambiate e in un certo senso ci ha regalato una nuova vita e nuova fama, ma ci ha reso la vita difficile“. Roger Taylor ha invece dichiarato: “Il film è sostanzialmente reale. È stato molto difficile da realizzare. Ma alla fine, credo, con molte consultazioni tra noi, i produttori e gli attori, siamo rimasti molto contenti del modo in cui il film è uscito”.

LA FELICITÀ E LA BRAVURA DI LAMBERT

Il batterista dei Queen ha aggiunto: “Ma non sapevamo se il film avrebbe avuto successo o meno. E poi eravamo così contenti e così felici quando è stato un successo in tutto il mondo così com’è stato. È stato molto, molto commovente e siamo solo felici. […] È una lotteria quando fai un film, in particolare un film sulla tua carriera e non sai cosa succederà.” Taylor ha anche parlato di come gli spettacoli siano migliorati negli ultimi anni con Lambert alla voce. Ha aggiunto: “Dopo aver lavorato con Adam per così tanti anni, gli spettacoli sono sempre migliori”.

IL CONTINUO DEL TOUR

Dopo la Corea del Sud, i Queen + Adam Lambert voleranno a Tokyo per quattro spettacoli in Giappone. A febbraio saranno in Nuova Zelanda e poi in Australia. Dopo il loro spettacolo di Sydney, la band prenderà parte al Fire Fight Australia, un concerto di beneficenza per raccogliere fondi dopo i recenti gravissimi incendi. I Queen + Adam Lambert si prenderanno una pausa prima di tornare in Europa a maggio. Si esibiranno per ben 10 volte all’O2 di Londra e due alla Manchester Arena a giugno. Pare che la collaborazione tra i Queen rimasti e il cantante statunitense Adam Lambert non abbia alcuna intenzione di fermarsi.

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.