gtag('config', 'UA-102787715-1');

Brian May e il materiale inedito dei Queen

Brian May e Roger Taylor sono ormai passati alla seconda fase della loro carriera musicale. Dopo la morte di Freddie Mercury – il 24 Novembre 1991 – e l’incertezza circa il loro futuro, il fatidico incontro con Adam Lambert ha cambiato le carte in tavola. Dal 2011 circa i tre militano assieme nei Queen + Adam Lambert, portando le canzoni del gruppo britannico in giro per il mondo. Ma Brian May non dimentica i tempi d’oro assieme a Mercury, Deacon e Taylor. In un’intervista per il mensile rock britannico Q, ha ammesso di essere in possesso di materiale inedito dei Queen. 

BRIAN MAY, TRA LA MUSICA E L’ASTROFISICA

Brian May è certo passato alla storia come il talentuoso chitarrista dei Queen, ma i suoi studi universitari lo avrebbero indirizzato verso ben altra carriera. May riesce a bilanciare sapientemente una smodata passione per la musica – che lo porta a iniziare a suonare il pianoforte a cinque anni – e l’astrofisica, suo indirizzo di studi.

Prima dell’iscrizione alla facoltà di Fisica e Astronomia dell’Imperial College di Londra, suona infatti con Tim Staffell. Dopo una breve esperienza nei 1984, fonda gli Smile assieme al batterista Roger Taylor. Staffell presenta ai due un giovane cantante di nome Farrokh Bulsara – destinato a passare alla storia come Freddie Mercury. Nel 1970 il neonato gruppo decide di cambiare nome in Queen e nel 1971 completa la propria formazione con il bassista John Deacon.

BRIAN MAY E GLI ALBUM SOLISTI

Oltre ad una prolifica e leggendaria carriera assieme ai Queen e a Freddie Mercury, Brian May compone e pubblica anche alcuni lavori solisti. Il primo album è del 1992 e si chiama Back to the Light. Pubblica il secondo, sei anni dopo, con il titolo Another World. C’è poi La Musique de Furia – colonna sonora della pellicola Furia. Il chitarrista dei Queen pubblica anche un disco dal vivo – Live at the Brixton Academy – nel 1994.

SVELATO IL MATERIALE INEDITO DEI QUEEN

Intervistato dal magazine britannico Q, Brian May ha rivelato l’esistenza di materiale inedito dei Queen. Sebbene la band si sia formalmente sciolta dopo la morte di Freddie Mercury, nel 1991, ci sono alcuni lavori che non hanno mai visto la luce. L’attuale chitarrista dei Queen + Adam Lambert ha riferito che non si tratta di brani eccezionali – come sono stati quelli che hanno di fatto consacrato i Queen come band immortale. Sono piuttosto tracce e lavori dell’inizio, “un pò grezze”. 

LA COLLABORAZIONE SEGRETA TRA FREDDIE MERCURY E MICHAEL JACKSON

Tra il materiale inedito dei Queen – di cui ha parlato Brian May – rientra anche la collaborazione segreta tra Freddie Mercury e Michael Jackson. Il progetto congiunto dei due cantanti è datato 1983 ed è stato un momento davvero particolare nella carriera dei due. Purtroppo, il sodalizio artistico non venne mai ultimato. Di quel lavoro rimangono solo due demo e una canzone misteriosa, chiamata Victory, di cui si sa poco o nulla.

L’incontro tra Mercury e Jackson avvenne appunto nel 1983, quando il cantante dei Queen aveva ultimato il tour di supporto per Hot Space. Lui e l’assistente personale Peter Freestone vennero allora ospitati da Michael Jackson. Durante il soggiorno nell’abitazione del Re del Pop, i due cantanti incisero tre tracce. Il brano scritto da Mercury nel 1981 con il titolo There Must Be More to Life Than This e due duetti: State of Shock e Victory.

 

Share

Giulia Prosperini, classe 1993, laureata in Lingue e Letterature Straniere. Tante passioni, tra cui la musica e il rock 'n roll. Esperta del mondo Grunge, i Pearl Jam e i gruppi storici di Seattle. Scrittrice per vocazione e per hobby, specialista di recensioni e curiosità, capace di spaziare dalla cronaca all'aneddoto, dagli approfondimenti alle ultime news del mondo della musica.