gtag('config', 'UA-102787715-1');

Guns n’Roses: Il manager ricorda le richieste assurde di Buckethead

Nel corso di un’apparizione all’Appetite For Distortion Podcast, il primo manager dei Guns N’Roses, Doug Goldstein, che si è occupato della band dal 1991 al 2008, ha ricordato delle caotiche sessioni d’incisione di Chinese Democracy del 2008 e il carattere, particolare quanto difficile, dell’allora chitarrista solista, Buckethead.

Quando un ascoltatore ha chiesto se Buckethead si comportasse realmente male con gli addetti ai lavori, com’è stato spesso affermato, il manager ha detto: “Il suo comportamento non era affatto cattivo. Era difficile da gestire, ma non per questo era definibile sgradevole. Dover, letteralmente, costruire un pollaio affinché si sentisse a suo agio a registrare, non è esattamente una cosa da tutti i giorni”, ha detto il manager dei Guns N’Roses.

“Ma ad essere sinceri – ha continuato – sono arrivato a un punto della mia carriera in cui sono abituato ad avere a che fare con delle anomalie. Quando sei il manager di qualcuno capace di lanciare un pianoforte da una finestra, non curante del vicinato, sei consapevole di dover essere pronto a tutto. Non esiste un lavoro da manager, in quest’ambito, che sia definibile normale, a meno che non si assuma un entourage di cui essere il rappresentante. Quindi – aggiunge Goldstein – lavorare con Buckethead è stato abbastanza semplice. Che lui voglia o meno un pollaio in sala. Buckethead è stato davvero gentile; una persona molto timida”.

Tom Zutaut parla della sua esperienza con Buckethead nei Guns N’Roses

Nel 2018, il produttore Tom Zutaut ha parlato di Buckethead che, ricordiamo aver ricoperto il ruolo di chitarrista in 12 delle 14 tracce che compongono l’album dei Guns N’Roses, Chinese Democracy. “Buckethead era una persona assolutamente senza emozioni. L’unica cosa che gli permettesse di provare dei sentimenti era tagliare gli oggetti. Aveva una visione molto cruenta della vita, tagliava la testa ai polli di gomma e li appendeva intorno allo studio”.

Rolling Stone ha riportato alcune delle abitudini peculiari del chitarrista. Sembrerebbe che Buckethead riuscisse a comunicare con i manager delle band in cui prestava servizio solo attraverso una marionetta chiamata Herbie. Il batterista Bryan Mantia, seduto dietro le pelli di Chinese Democracy ha dichiarato che Buckethead fosse capace di far imbestialire anche i manager più professionali a causa del fatto che; pur discutendo di ingaggi milionari, il chitarrista riuscisse a parlare solo tramite l’intercessione di Herbie.

La stessa fonte ha aggiunto che, nel 2008, i membri della band furono obbligati ad aiutare Buckethead nella costruzione del “pollaio”. Il produttore Tom Zutaut ne ha rivelato i particolari nel corso di un’intervista rilasciata nello stesso anno per Classic Rock. ” È come un mini appartamento in sala, ma assume le sembianze di una sorta di pollaio. C’è una sedia e un mini divano all’interno, e tanti pezzi di polli di gomma tutto intorno. Buckethead sparge in terra i suoi giocattoli e nessuno ha il permesso di entrare tranne gli assistenti ingegneri per sistemare i microfoni. Nessuno si sognerebbe mai di distruggere lo spirito karmico del mini mondo di Buckethead”.

 

 

 

 

 

Share

Claudio Pezzella, studente in culture digitali e della comunicazione. Appassionato dell'arte in tutte le sue sfumature,alla costante scoperta di nuove frontiere culturali. Chitarrista e compositore polistrumentista impegnato in progetti progressive metal. (Email:claudio190901@gmail.com)