gtag('config', 'UA-102787715-1');

Chi è Alessandro Cortini, il primo italiano a entrare nella Rock&Roll Hall of Fame

I giornali non ne hanno parlato, figuratevi i telegiornali nazionali. Solamente in internet e solamente in alcuni gruppi rock sono uscite alcune notizie del genere. I più attenti lo avranno sicuramente notato, ma noi siamo qui anche per informarmi di questa cosa. Andiamo a vedere allora chi è Alessandro Cortini, il primo italiano a entrare nella Rock&Roll Hall of Fame. Molti di voi potrebbero dire che si tratta di un altro cervello in fuga e di fatto è così, dal momento che è andato via dall’Italia per studiare musica negli Stati Uniti. Il Nostro è il tastierista dei Nine Inch Nails e ha collaborato anche con Jovanotti nell’album Safari del 2008 e pure come turnista dal vivo dei Muse.

Gli inizi di Alessandro Cortini a Los Angeles

Alessandro Cortini arrivò a Los Angeles nel 1998 per imparare a suonare la chitarra a Hollywood, precisamente al Musicians Institute. Inutile affermare che già dall’inizio si era rivelato un bravo musicista tanto da formare quasi subito un gruppo chiamato modwheelmood. Il gruppo venne particolarmente apprezzato soprattutto nel circuito underground e l’alchimia di Alessandro Cortini insieme al chitarrista Pelle Hillström era notevole. Il Nostro si diplomò in questo istituto e decise di concentrarsi su tastiere e sintetizzatori, lavorando anche con altre band hard rock e synth wave.

Le passioni musicali di Alessandro Cortini e i progetti musicali

Alessandro ha sempre dichiarato una passione per il mondo dell’elettronica, a partire dai Depeche Mode fino ai mostri sacri come i Joy Division. In tutto ciò, il tastierista ha affermato di aver molto a cuore artisti come i Beatles e soprattutto Brian Eno. Non ha mai rinnegato le sue origini italiane affermando di aver sempre avuto a cuore le canzoni di Francesco De Gregori. tutte queste sue influenze sono presenti nei suoi brani, sia in quelli solista che in quelli dei suoi molteplici progetti paralleli. Il Nostro ha collaborato con tante realtà musicale, come i Puscifer, Marnie, The Mayfield Four Ladytron e molti altri. Da segnalare poi è anche il suo progetto solista SONOIO.

Il provino per i Nine Inch Nails di Trent Reznor

Ma quando venne a contatto con i Nine Inch Nails di Trent Reznor? Era il 1994 e il gruppo, anzi il suo frontman in particolare, stava cercando un tastierista. Ai provini si presentò Alessandro Cortini che impressionò fin da subito il cantante e polistrumentista fondatore del gruppo. Trent disse che Alessandro si adattò subito alle dinamiche del gruppo anche se Alessandro non sembrava la persona giusta esteticamente parlando. Trent si aspettava di vedere qualcuno di molto aggressivo, anche come immagine esteriore, invece si trovò davanti un ragazzo gentile e intenso al contempo. In pochissimo il frontman della band rimase estasiato dalle sue abilità.

Il ritorno e il premio

Con il tempo Alessandro Cortini continuò a suonare con i Nine Inch Nails fino al 2008 quando decise di prendersi una pausa. Lavorò poi con Jovanotti per poi sostituire il turnista alle tastiere dei Muse durante il tour del 2009. Alla fine decise di ritornare con i Nine Inch Nails in anni più recenti. Magari non è tanto, ma era importante dire chi era Alessandro Cortini, il primo italiano a entrare nella Rock&Roll Hall of Fame

Share

Mi reputo da sempre un appassionato di rock (soprattutto inglese, son cresciuto con il Britrock) e sono un po' il carnivoro che si scaglia contro i vegani (la nuova musica pop dei giorni nostri). Scherzo, sono solo sarcastico.